Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

La cattedrale di Santiago di Compostela

Orari di apertura

  • Basilica: tutti i giorni, dalle 7:00 alle 21:00 con accesso dalla Porta di Platería
  • Sepolcro e abbraccio dell’apostolo Santiago: tutti i giorni, dalle 8:30 alle 21:00 con accesso dalla Porta della Azabachería
  • Museo: da lunedì a domenica, dalle 10:00 alle 20:00.
Sito web ufficiale per prenotazione visite guidate: https://catedraldesantiago.es/

Informazioni

La Cattedrale di Santiago de Compostela è l’opera più importante dell’arte romanica in Spagna e rappresenta la destinazione finale di tutti i Cammini di Santiago per migliaia di pellegrini anno dopo anno. Senza dubbio è il primo luogo che i pellegrini possono ammirare il giorno di arrivo del Cammino

La Cattedrale è un tempio di culto cattolico situato nella città omonima, nel centro della provincia di La Coruña in Galizia (Spagna) ed è dedicata a San Giacomo il Maggiore in quanto ospita il sepolcro del Santo. Nella Cattedrale sarebbe custodito anche il cranio di San Giacomo il Minore, anche se uno studio ha dimostrato che non è vero.

La porta Platerias nella facciata meridionale della Cattedrale

Secondo la tradizione, è la tomba dell’apostolo San Giacomo, che ha reso la cattedrale una delle principali mete di pellegrinaggio in Europa durante il Medioevo attraverso la cosiddetta Via di San Giacomo che collega la Penisola Iberica con il resto del continente.

La cattedrale di Santiago fu dichiarata Patrimonio d’Interesse Culturale nel 1896 e la città vecchia di Santiago de Compostela, che si concentra intorno alla cattedrale, fu dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1985.

Nel 2015, è stata approvata da parte dell’Unesco l’estensione del patrimonio al Cammino di Santiago in Spagna come “Strade per Santiago de Compostela: Cammino Francese e Strade per il Nord della Spagna“.

Ogni giorno la cattedrale di Santiago ospita la messa del Pellegrino alle ore 12:00, mentre ogni venerdì nella messa delle ore 19:30 viene messo in funzione il famoso Botafumeiro.

La maestosa Cattedrale di Santiago de Compostela ha attraversato secoli di storia e pellegrinaggi, ma pochi conoscono la sua affascinante origine. Scopriamola insieme e immergiamoci nella leggenda del Santo che l’ha resa celebre in tutto il mondo.

La storia della Cattedrale di Santiago de Compostela

Secondo la tradizione e l’origine del Cammino di Santiago, l’apostolo Giacomo il Maggiore diffuse il cristianesimo in tutta la penisola iberica. 

Nell’anno 44 fu decapitato a Gerusalemme e le sue spoglie furono poi trasportate in Galizia con una barca di pietra. A seguito delle persecuzioni romane contro i cristiani di Hispania, il luogo di sepoltura dell’apostolo San Giacomo sul Monte Libredon fu dimenticato fino alla sua scoperta, avvenuta intorno all’820-830, al tempo del vescovo Teodomiro di Iria Flavia. 

Quando il re Alfonso II venne a conoscenza della scoperta, ordinò di costruire sul luogo un tempio per ospitare la tomba. Ben presto divenne troppo piccola per ospitare i pellegrini che iniziavano ad arrivare, così che, per ordine di Alfonso III, fu iniziata la costruzione di una nuova chiesa, consacrata nell’899  che diventerà l’attuale Cattedrale di Santiago de Compostela.

Il boom dei pellegrinaggi a Santiago durante il X e l’XI secolo, insieme al forte sostegno ricevuto dalla Chiesa e dalla monarchia, portò alla costruzione di una cattedrale, i cui lavori iniziarono intorno al 1075. Un’iscrizione nella Cappella del Salvatore e due capitelli situati all’ingresso testimoniano che la costruzione della cattedrale iniziò qui al tempo del re Alfonso VI e del vescovo Diego Peláez

Questa prima fase di costruzione durò fino al 1088, quando iniziò a rallentare, e intorno al 1094, sotto la guida di un nuovo maestro, Esteban, la costruzione riprese da una nuova prospettiva artistica.

I maestri scalpellini che iniziarono a costruire la cattedrale di Santiago si chiamavano Bernardo il Vecchio, un maestro ammirevole, e Roberto, con un’altra cinquantina di scalpellini che vi lavorarono assiduamente (Codex Calixtinus).

Nel 1101 Diego Gelmirez fu consacrato vescovo di Compostela. Questo importante personaggio, dotato di una solida formazione e di importanti relazioni personali, ottenne il privilegio di battere moneta, che gli avrebbe fornito le risorse economiche per intraprendere il suo progetto di costruzione della Cattedrale, che si concentrò poi sul transetto, sulle facciate istoriate e su un nuovo altare di Santiago, azioni per le quali si affidò a una serie di maestri provenienti dall’estero che non solo portarono qui nuovi modelli e influenze, ma li svilupparono e li adattarono in modo tale che Santiago diventasse un centro di riferimento artistico d’avanguardia nel suo tempo. 

Nel 1105 fu consacrato il nuovo altare sul sepolcro apostolico, per il quale fu modificato l’antico mausoleo, e nel 1112 fu completamente rimossa l’antica basilica di Alfonso III, che fino ad allora aveva convissuto con i lavori di costruzione. Sotto Papa Callisto II, Gelmirez divenne arcivescovo e Santiago divenne sede metropolitana nel 1120, consolidando l’importanza della cattedrale e determinando un periodo di splendore dei pellegrinaggi a Santiago.

In questa chiesa, infine, non si trova una sola crepa o difetto; è costruita in modo mirabile, grande, spaziosa, chiara, di dimensioni adeguate, proporzionata in larghezza, lunghezza e altezza, di mirabile e ineffabile fattura, ed è costruita in due parti, come un palazzo reale. Chi sale attraverso le navate del triforio, anche se sale triste, è incoraggiato e felice nel vedere la splendida bellezza di questo tempio (Codex Calixtinus).

Dopo la morte di Gelmirez, sarà Ferdinando II a dare l’impulso necessario al completamento della cattedrale romanica, che diventerà anche un tempio di riferimento per il regno e un luogo di sepoltura per i re. Tutto questo sarebbe stato possibile grazie alla figura del Maestro Mateo. 

Non si hanno notizie certe sulla sua origine e provenienza, ma è menzionato nel documento del 1168 in cui Ferdinando II gli concede una pensione a vita per la direzione dei lavori della chiesa di Santiago

Da allora fino al 1211, Mateo guidò un progetto completo che doveva segnare il passaggio dallo stile romanico a quello gotico, incorporando una nuova sensibilità artistica e interessanti innovazioni derivanti dalla conoscenza dell’arte più all’avanguardia del suo tempo. Si occupò del completamento degli ultimi tratti della navata principale della cattedrale e realizzò il recinto occidentale del tempio, con una soluzione innovativa che permise di superare le asperità del terreno con un’inedita cripta che sostiene un nartece aperto all’esterno attraverso una facciata che conduceva a una terrazza e, a coronamento del complesso, a una tribuna. Questo spazio sacro unico, alto tre livelli, conteneva un programma iconografico unitario, dal contenuto apocalittico e salvifico, che ha il suo punto culminante nella triplice arcata interna del nartece, oggi nota come Portico della Gloria, una delle opere di coronamento dell’arte universale.

Il Portico de la Gloria è l’ingresso che possiamo trovare nella parte occidentale della Cattedrale. È un portico in stile romanico e uno dei più grandi simboli nella storia del Camino de Santiago e della stessa Cattedrale. Fu scolpito durante il XII secolo da Maestro Mateo, che insieme ai suoi operai impiegò circa 20 anni per finirlo, e che esercitò una grande influenza sulla scultura romanica della Galizia di quel tempo.

Anche se il Portico originale non è quello che possiamo vedere attualmente quando visitiamo la Cattedrale di Santiago, alcune delle figure originali sono conservate nel Museo della Cattedrale, e oggetti di diverse aree importanti della Cattedrale stessa. Il lavoro che possiamo vedere oggi è il risultato del profondo restauro che il Portico de la Gloria ha subito tra il 2008 e il 2018. In questo restauro è stata eliminata l’umidità e sono stati effettuati i trattamenti necessari per poter apprezzare le sculture originali di quest’opera.

Il Portico della Gloria è composto da tre piani sovrapposti, in cui il Maestro Mateo si è ispirato al contenuto apocalittico. Questi tre piani sarebbero: La cripta, che rappresenta il mondo terreno; il portico di tre archi, situato al centro e la tribuna, che rappresenta il Giudizio Universale e l’elevazione degli uomini al divino.

Anche se tutti sono brillanti, il più notevole è il portico a tre arcate. Questa parte è formata da numerose sculture di diverse dimensioni tra le quali troviamo i 24 anziani e i 4 evangelisti, tra gli altri, e dalle quali spicca la figura centrale di Cristo.

Il Maestro Mateo progettò anche un coro monumentale in pietra policroma che occupava le prime sezioni della navata centrale e serviva a organizzare la vita e la liturgia del rinnovato capitolo di Santiago de Compostela; e a lui si deve la creazione di un elemento di riferimento per i pellegrini all’interno della cattedrale, con la collocazione di un’immagine seduta dell’Apostolo che, sebbene molto alterata, è sopravvissuta fino ai giorni nostri come Santiago del Abrazo (San Giacomo dell’Abbraccio).

La solenne consacrazione del tempio avvenne il 21 aprile 1211, alla presenza del re Alfonso IX, come testimoniano le croci di granito policrome e dorate che corrono lungo le navate della cattedrale e che ricordano la figura dell’arcivescovo Pedro Muñiz. 

Le officine di influenza matteana continuarono a lavorare a nuovi progetti, come il rifacimento del Palazzo di Gelmírez promosso dall’arcivescovo Juan Arias o un nuovo coro gotico incompiuto, che fu sepolto sotto la scalinata dell’attuale Plaza de la Quintana.

I problemi strutturali del chiostro, causati dalle caratteristiche del terreno sul fianco sud-ovest della cattedrale, portarono alla costruzione di un nuovo chiostro, conferendo così alla cattedrale uno stile rinascimentale, promosso in città dagli arcivescovi della famiglia Fonseca.

L’età moderna è segnata dal barocco, uno stile che darà al complesso un nuovo aspetto. Il XVII secolo iniziò con la demolizione del coro in pietra e la costruzione di una scalinata monumentale sulla facciata occidentale. Sotto la guida del canonico José Vega y Verdugo, iniziò la grande modernizzazione della cattedrale. All’esterno, la nuova facciata della Quintana e la ristrutturazione della Torre dell’Orologio. All’interno, la nuova decorazione della cappella principale, concepita come una vera e propria apoteosi giacobina. Ancora una volta, come è sempre accaduto nelle grandi trasformazioni della cattedrale, furono determinanti l’unione della gerarchia ecclesiastica e della monarchia ispanica e il grande artista dell’epoca, il compostelano Domingo de Andrade.

Questa grande ristrutturazione barocca sarà completata nel XVIII secolo con importanti interventi, tra cui la nuova facciata occidentale, quella dell’Obradoiro, opera di Fernando de Casas e quella dell’Azabachería, che a metà di questo secolo sostituirà la vecchia facciata del Paradiso. All’interno sono stati ristrutturati i cosiddetti Palacios Capitulares ed è stata costruita la Cappella della Comunione.

Dopo lo splendore del periodo barocco, il XIX secolo fu un periodo di crisi, dovuto a varie cause politiche, sociali ed economiche che interessarono anche l’intera città.

La rinascita del fenomeno giacobino iniziò la notte del 29 gennaio 1879, quando un gruppo di canonici guidati da López Ferreiro, con l’appoggio del cardinale Payá, ritrovò nel trasaltar la tomba apostolica, nascosta lì dai tempi dell’arcivescovo Sanclemente nel XVI secolo. Dopo questa riscoperta delle reliquie dell’apostolo San Giacomo il Maggiore, certificata nel 1884 da Papa Leone X con la bolla Deus Omnipotens, il fenomeno giacobino conobbe la sua prima rinascita. Una rinascita dei pellegrinaggi che, negli ultimi decenni del XX secolo, legati alla celebrazione degli Anni Santi, ha vissuto una nuova tappa, dopo le visite papali di San Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, e con il sostegno decisivo delle amministrazioni pubbliche.

Tra il 2010 e il 2020, la cattedrale di Santiago è stata oggetto di un ampio programma di restauro, senza perdere l’essenza di un luogo che, nel corso dei suoi 1.200 anni di storia, è stato un punto di riferimento e di accoglienza per milioni di fedeli e pellegrini.

La facciata esterna della cattedrale

La facciata occidentale della Cattedrale medievale è giunta fino ai giorni nostri grazie ai disegni realizzati da Vega y Verdugo. Nel XVI secolo furono apportate le prime modifiche alla facciata e all’inizio del XVII secolo Ginés Martínez realizzò la scala rinascimentale che conduce alla Cattedrale.

All’epoca di Vega y Verdugo, nella seconda metà del XVII secolo, furono intrapresi diversi interventi sulla facciata e sulle torri, anche se solo nel 1738 Fernando de Casas demolì l’antica facciata e iniziò la costruzione di quella attuale, caratterizzata da grandi aperture e da una grande ricchezza decorativa e iconografica, alla quale parteciparono importanti artisti compostelani dell’epoca; incorniciata dalle torri dei Campanili e della Carraca, acquisì un’immagine universalmente conosciuta.

Curiosità: in una delle facciate esterne della Cattedrale che da su Plaza de la Quintana si può ammirare una particolare ombra che ricorda la sagoma di un pellegrino. Quest’ombra è legata alla famosa Leggenda del pellegrino fantasma.

La Porta Santa

La Porta Santa è l’ingresso alla Cattedrale di Santiago de Compostela che si apre solo durante l’Anno Santo.
Dalla prima metà del XVI secolo, momento della sua realizzazione, divenne la porta più famosa e popolare della cattedrale di Santiago de Compostela e si apre in occasione dell’Anno Santo Giacobeo.
La Porta Santa è di fatto una modesta apertura nell’abside della cattedrale di fronte alla Plaza de la Quintana. È il simbolo per eccellenza degli anni santi di Compostela, poiché questa porta viene aperta solo quando si celebra l’Anno Santo Jacopeo ogni 6, 5, 6 e 11 anni.
A questo simbolismo già rilevante per molti fedeli, si unisce il fatto che la Porta Santa collega direttamente il pellegrino con l’altare principale, dove si trova la cripta sepolcrale di San Giacomo.
Fin dall’antichità, la Porta Santa è conosciuta anche come la Porta del Perdono e secondariamente come la Porta del Perdono, legata all’allegoria dell’espiazione che il passaggio attraverso di essa vuole rappresentare. Negli ultimi anni questo nome è poco usato.

L'iconografia di Santiago nella Cattedrale

San Giacomo Apostolo

Questa è la rappresentazione più antica, con tunica, piedi nudi e il libro del Nuovo Testamento in mano. Lo si può vedere così nel camerino dell’altare maggiore (anche se modificato nel XVII secolo con aggiunte più tipiche dell’abbigliamento di un pellegrino) e nella bifora del Pórtico de la Gloria.

San Giacomo pellegrino

La rappresentazione più diffusa è quella che vede San Giacomo scalzo o a piedi nudi, con tunica, mantello, mantellina e bastone, a imitazione dei pellegrini medievali. Di solito indossa un cappello, una zucca e una conchiglia. È l’immagine che corona la cappella dell’altare maggiore ed è venerata dalle figure di due re e presiede la facciata dell’Obradoiro.

San Giacomo cavaliere

Come guerriero, appare a cavallo, in posizione di attacco e brandendo una spada. 

È un’iconografia che si diffonde nel contesto della Reconquista, a imitazione della rappresentazione del rilievo del timpano di Clavijo nella cattedrale di Santiago de Compostela, e che diventa molto popolare nel XVI secolo. 

Una rappresentazione di Santiago in queste vesta corona il baldacchino dell’altare maggiore e presiede la propria cappella nella navata nord.

 

Caratteristiche tecniche e piantina della cattedrale di Santiago de Compostela

Navata principale:

100 m (longitudinale)
70 m (croce centrale)
32 m di massima altezza

Le informazioni su questo sito sono gratuite

Sostienici acquistando il Manuale del Cammino di Santiago. Tutte le informazioni di questo sito e oltre in una pubblicazione cartacea.

Skip to content