La conchiglia dei pellegrini sul cammino di Santiago

La capasanta è la conchiglia del pellegrino simbolo del Cammino di Santiago

La conchiglia di Santiago, o conchiglia di San Giacomo, nota anche come capasanta, rappresenta uno dei simboli più iconici e significativi del Cammino di Santiago, un’antica rotta di pellegrinaggio che attraversa l’Europa per concludersi nella città spagnola di Santiago de Compostela.

Questa conchiglia non solo adorna la segnaletica ufficiale lungo il percorso, ma figura anche nel logo simbolo del Cammino, testimoniando la sua profonda connessione con questa tradizione spirituale e culturale.

Le striature della conchiglia, che convergono in un unico punto, simboleggiano i vari percorsi che i pellegrini possono intraprendere, tutti convergenti verso Santiago de Compostela, il cuore spirituale del cammino.

La “Pecten jacobaeus”, nome scientifico della capasanta comune, è un mollusco bivalve della famiglia dei pectinidi, ed è conosciuto in diverse lingue con nomi che fanno riferimento al legame con il tema giacobeo, come “common scallop” in inglese, “coquille Saint-Jacques” in francese, e “vieira” in Galiziano, tra gli altri.

Il nome “venera”, utilizzato in castigliano, deriva dal latino “veneria”, che significa conchiglia ed è collegato a Venere, la dea romana dell’amore e della bellezza, spesso raffigurata emergere dal mare su una conchiglia. Questo richiamo mitologico sottolinea ulteriormente il valore simbolico della conchiglia di San Giacomo, legandola a temi di nascita, bellezza e rinascita.

Con riferimento al tema giacobeo, viene così nominata nelle diverse lingue:

  • common scallop, in inglese;
  • coquille Saint-Jacques, in francese;
  • beira handia, in basco;
  • petxina de pelegri, in catalano
  • vieira, ovvero capasanta, in Galiziano.
 

Nel corso dei secoli, la conchiglia di Santiago ha assunto diversi significati simbolici:

  • è stata associata all’esecuzione di buone opere, a causa della sua somiglianza con le dita di una mano aperta;
  • alla rinascita personale, collegata al simbolismo di Venere;
  • all’inizio di un nuovo percorso, evocato dalla forma che ricorda una gamba d’oca palmata.

Questi simbolismi convergono nel rappresentare la conchiglia come emblema della spiritualità e della religiosità che permeano il Cammino di Santiago.

 

Storicamente, portare con sé una conchiglia raccolta sulle sponde della Galizia al ritorno da Santiago de Compostela era un modo per dimostrare di aver completato il viaggio.

Oggi, la conchiglia di San Giacomo è comunemente indossata dai pellegrini come distintivo appeso allo zaino o come patch cucita, servendo da simbolo visivo della loro partecipazione al pellegrinaggio. 

Quindi se una volta la conchiglia di Santiago serviva per dimostrare di aver percorso il pellegrinaggio, al giorno d’oggi viene utilizzata come semplice accessorio senza uno scopo, se non un ricordo del magnifico viaggio intrapreso.

Conchiglia del Cammino di Santiago appesa sullo zaino di un pellegrino 

 
 

simbolo della conchiglia del pellegrino di Santiago sulla torretta di ingresso in Galizia