La compostela e i certificati del cammino di Santiago

Le origini della Compostela

Poiché il pellegrinaggio alla Tomba di San Giacomo, sorto spontaneamente prima dei secoli IX e X, si è istituzionalizzato e ha acquisito certe considerazioni sociali e religiose, era necessario dimostrare che effettivamente lo si era intrapreso.
Per fare questo, in primo luogo, sono state utilizzate le insegne che sono state acquisite solo a Santiago, costituite dalla conchiglia a capasanta. È facile dedurre quanto sia stato facile falsificare questa certificazione rudimentale. Falsificazione che si è effettivamente verificata, in quanto sono stati venduti all’ingresso della città, costringendo i prelati di Compostela e il Papa stesso a decretare pene di scomunica contro i falsari.
Più efficaci, perché più difficili da falsificare, erano le cosiddette lettere di prova, che venivano emesse già nel XIII secolo. Queste lettere sono l’origine diretta della Compostela.

Nel XVI secolo, i monarchi cattolici istituirono la Fondazione dell’Ospedale Reale e per essa costruirono l’edificio che oggi occupa l’Hostal de los Reyes Católicos, che nel 1954 fu convertito in un hotel di lusso.
Quando i pellegrini presentavano la Compostela acquisivano il diritto di alloggio gratuito per tre giorni.
Le necessità sanitarie dei pellegrini trasformarono l’istituzione, dopo i necessari ampliamenti, nell’ospedale più importante della Galizia e, più tardi, nella sede della famosa scuola medica di Compostela.
Nel 1954 divenne un Parador de Turismo, anche se, come tradizione di ospitalità, l’hotel continua ad offrire pasti gratuiti ai primi pellegrini di ogni giorno che si presentano all’Hostal, presentando sempre la “Compostela”, o una sua fotocopia.

La comparsa dei veicoli a motore e, già nel nostro secolo, la divulgazione del turismo, significò una certa crisi per il pellegrinaggio: si temeva che lo sforzo e il sacrificio in espiazione dei peccati che fino a questo momento significava il pellegrinaggio a piedi avrebbe ceduto il posto a un’attività piacevole e divertente in cui trascorrere le vacanze. Tale fu il caso che le autorità di altri santuari cominciarono a rilasciare certificati di visita a imitazione di La Compostela.
Il Capitolo della Chiesa Metropolitana di Santiago continuò a rilasciare il certificato e in tempi moderni la concessione della “Compostela” fu limitata a coloro che si recano alla Tomba dell’Apostolo per motivi religiosi e/o spirituali, e seguendo i percorsi del Cammino di Santiago a piedi, in bicicletta o a cavallo.
Per questo, si richiede di aver percorso almeno gli ultimi 100 chilometri a piedi o a cavallo o anche gli ultimi 200 chilometri in bicicletta, cosa che si dimostra con l’evidenza della “credenziale del pellegrino” debitamente timbrata lungo il percorso effettuato. Altre forme di viaggio per accedere alla Compostela sono quindi escluse, tranne nel caso dei disabili.

 

Come di ottiene la Compostela

Per ottenere la Compostela, è necessario:

  • Fare il pellegrinaggio per motivi religiosi o spirituali, o almeno con un atteggiamento di ricerca.
  • Fai gli ultimi 100 km a piedi o a cavallo o gli ultimi 200 km in bicicletta. Si intende che il pellegrinaggio inizia in un punto e da lì si arriva a visitare la Tomba di San Giacomo.
  • I timbri dei luoghi attraversati devono essere raccolti nella “Credenziale del pellegrino“, che è la certificazione del passaggio.
    I timbri di chiese, ostelli, monasteri, cattedrali e tutti i luoghi legati al Cammino sono preferiti, ma in mancanza di questi, si può anche timbrare in altre istituzioni: municipi, caffè, ecc.
  • La credenziale deve essere timbrata due volte al giorno almeno per gli ultimi 100 km. (per i pellegrini a piedi o a cavallo) o negli ultimi 200 km (per i pellegrini in bicicletta).
  • È possibile fare il Cammino a tappe, purché siano ordinate cronologicamente e geograficamente. Tuttavia, se si fa solo la distanza minima richiesta (ultimi 100 o 200 km), si deve sempre timbrare all’inizio e alla fine di ogni tappa, includendo la data corrispondente, in modo che si possa vedere che il pellegrino ha ripreso il cammino nello stesso luogo in cui lo aveva lasciato (cioè, si deve sempre timbrare nel luogo in cui si è iniziato, anche se si era già timbrato nello stesso luogo alla fine della tappa precedente).

I bambini e il pellegrinaggio. I bambini che fanno il pellegrinaggio con i loro genitori o in gruppo, e che hanno ricevuto il sacramento della Comunione, o che hanno la capacità di capire cosa significa la natura spirituale o religiosa del Camino, possono ricevere la “Compostela”. Se non sono abbastanza maturi a causa della loro giovane età, viene dato loro un certificato speciale con il loro nome. Nel caso di neonati o bambini molto piccoli, i loro nomi sono inclusi nella “Compostela” dei loro genitori o dell’adulto che li accompagna. In caso di dubbio, contattateci all’Ufficio del Pellegrino per esaminare ogni singolo caso.

 

Dove si richiede la Compostela

La Compostela si ritira volta arrivati a Santiago de Compostela, presso l’Ufficio di accoglienza del Pellegrino situato in Rúa das Carretas, 33, vicino alla piazza della Cattedrale, presentando la credenziale del pellegrino con i timbri sufficienti per avere diritto al certificato.

 

Cosa c’è scritto sulla Compostela

La traduzione spagnola del testo sulla Compostela recita come segue:

Il Capitolo di questa Santa Chiesa Cattedrale Apostolica e Metropolitana di Compostela custode del sigillo dell’Altare di San Giacomo Apostolo, a tutti i Fedeli e pellegrini che vengono da qualsiasi parte dell’Orbe della Terra con un atteggiamento di devozione o per voto o promessa di pellegrinaggio alla Tomba dell’Apostolo, nostro Patrono e Protettore della Spagna, accredita davanti a tutti coloro che osservano questo documento che:

Nome e cognome

ha visitato devotamente e con senso cristiano questo tempio santissimo dopo aver fatto gli ultimi cento chilometri a piedi o a cavallo o gli ultimi duecento chilometri in bicicletta con senso cristiano (pietatis causa).
In fede di che vi do il presente documento controfirmato con il sigillo di questa stessa Santa Chiesa.
Dato a Santiago de Compostela il giorno … mese … anno del Signore ….
Il Decano della Cattedrale S.A.M.M.I. di Santiago de Compostela

 

Oltre alla Compostela, gli altri certificati rilasciati per il cammino di Santiago sono il certificato di distanza (sempre rilasciato a Santiago), il certificato di metà cammino e per chi percorre il cammino di Muxia-Finisterra sono previsti rispettivamente la Muxiana e la Finisteriana.

Gli altri certificati del cammino di Santiago

 

  • Il certificato di distanza

Oltre alla Compostela, all’ufficio di accoglienza del pellegrino di Santiago è possibile richiedere anche il certificato di distanza dove vengono indicati i chilometri percorsi.

 

  • Il certificato di metà cammino

Un altro ricordo da poter avere lungo il cammino, per chi lo percorre interamente, è possibile avere il certificato di metà cammino.
Questo certificato di metà cammino può essere richiesto a Sahagun nel Santuario de La Peregrina (Calle Arco de San Francisco, 12H, 24320 Sahagún). Mappa

 

  • La Muxiana

La Muxiana è il certificato che si ottiene raggiungendo Muxia da Santiago de Compostela percorrendo il cammino di Muxia-Finisterre. Si può richiedere al punto informativo turistico di Muxia in centro sul lungo mare.

 

  • La Finisterriana

La Finisterriana è il certificato che si ottiene raggiungendo Finisterre da Santiago de Compostela percorrendo il cammino di Muxia-Finisterre. Si può richiedere all’ostello municipale di Finisterre.

error: Il contenuto è protetto e non puoi copiarlo. Se sei interessato a un contenuto contattami.