Il cammino Primitivo parte da Oviedo e raggiunge Santiago de Compostela in 13 tappe ed ha una lunghezza di circa 320 km. Si tratta del cammino più antico che conduce a Santiago de Compostela in Galizia.

Proprio per questo motivo il nome di questo cammino non è casuale.

Infatti, poco dopo la scoperta della tomba dell’Apostolo, attraverso la bella storia o leggenda che è rimasta per i posteri, il primo ad avere conoscenza di questa scoperta fu l’allora re asturiano Alfonso II il Casto.

Essendo anche il primo monarca in pellegrinaggio, prese la strada che attraversa l’interno delle Asturie fino a Lugo e successivamente alla capitale Compostela.

Questo percorso primitivo, duro e aspro, ma imponente e bello, è conservato con tutto il suo fascino, tranne per le modifiche occasionali che le moderne infrastrutture hanno obbligato a fare, come di fatto accade in tutti i percorsi o strade.

Il cammino Primitivo si unisce al Cammino Francese a Palas de Rei.

Possiamo assicurare che il passaggio dei pellegrini attraverso un numero infinito di angoli incantevoli, villaggi, località come Grado, Salas, Tineo, Grandas de Salime, tra molti altri, e in modo particolare la millenaria Lugo, fanno di questo pellegrinaggio uno dei più interessanti, accattivanti ed emblematici.

Avviso che il cammino primitivo è considerato il più impegnativo a causa dei suoi continui sali e scendi.

[osm_map_v3 map_center=”43.0081,-7.1163″ zoom=”8″ width=”100%” height=”450″ file_list=”../../../../wp-content/uploads/gpx/Slaapplaatsen-ES-CaminoPrimitivo-ViewRanger-20190421.gpx” file_color_list=”#043e8b” file_title=”Cammino primitivo”]

Tappe del cammino Primitivo

LEGGI ANCHE: L’arrivo a Santiago de Compostela, cosa fare e dove dormire