Cattedrale di San Pedro de Jaca: la perla dei Pirenei aragonesi


La cattedrale di Jaca è uno dei monumenti che senza dubbio definiscono il romanico spagnolo; è un tempio che è già legato al cammino di Santiago, alla conquista cristiana di Jaca e alla sua distinzione come città da parte del re Sancho, oltre alla sua designazione come capitale del Regno di Aragona nel 1077 (fino alla conquista di Huesca nel 1096). Sancho Ramírez d’Aragona aveva ottenuto il vassallaggio vaticano nel suo viaggio a Roma qualche anno prima, quando gli fu concessa la sede episcopale.

La costruzione della cattedrale romanica di San Pedro de Jaca ebbe luogo per erigere l’edificio necessario alla nuova sede diocesana e iniziò nell’ultimo quarto del XI secolo, contemporaneamente alla cattedrale di Santiago. Anche se non c’è unanimità sulle date specifiche dell’inizio della costruzione, si possono distinguere due fasi; una durante il regno di Sancho Ramírez stesso (con suo fratello l’infante García come vescovo) e una seconda corrispondente al regno di Alfonso I il Battitore (con Esteban de Huesca come vescovo).

Questo gioiello del romanico spagnolo, situato nel centro storico di Jaca, merita una visita, tra l’altro per aver conservato un gran numero di elementi originali nonostante le numerose modifiche effettuate in altri periodi dopo la sua costruzione originale. Soprattutto, sia all’interno che all’esterno della cattedrale, spicca la sua decorazione scultorea in stile romanico. Bellissime aggiunte gotiche, rinascimentali e barocche completano l’eccezionale insieme.

Manuale
error: Il contenuto è protetto e non puoi copiarlo. Se sei interessato a un contenuto contattami.