L’origine della freccia gialla sul Cammino di Santiago

Facebook
WhatsApp
Telegram
Stampa

Ultimo aggiornamento Novembre 26, 2022

Un documentario analizza la vita di Elías Valiña, l’ideologo delle frecce gialle.

Il Cammino di Santiago batte il record di pellegrini di quest’anno. A due mesi e mezzo dalla fine del 2022 siamo già vicini alle 400.000 persone, ovvero 50.000 in più rispetto al precedente record, battuto nel 2019.

Sono milioni le persone che negli ultimi anni hanno indossato lo zaino, si sono alzate in piedi a Sarria, Tui, Roncisvalle o Ferrol e hanno iniziato a camminare verso Santiago.

Uno degli elementi essenziali che guidano i pellegrini a Santiago è la freccia gialla che indica la direzione per Santiago di Compostela e che sono presenti lungo il percorso insieme alle altre segnaletiche (conchiglia e torretta dei chilometri).

Elías Valiña ha ideato la freccia gialla

Elías-Valiña da giovane in piedi che tiene in mano un bastone da pellegrino
Elías Valiña mentre percorre il Cammino di Santiago per dipingere le frecce gialle.

Ma da quando è stata introdotta la freccia gialla per guidare i pellegrini lungo il cammino di Santiago e chi l’ha ideata?

L’ideatore fu Elías Valiña, originario di Sarria, che fu sacerdote a El Cebreiro negli anni ’60, ’70 e ’80 e che oltre a pensare a questo sistema di segnalazione fu un grande studioso del Cammino. Sviluppò e le prime guide moderne per i pellegrini e recuperò tratti che erano andati perduti del cammino di Santiago.

Negli anni Ottanta, nel desiderio di riportare in vita lo splendore del Cammino, decise di segnare il percorso dalla Francia a Santiago con le sue mani, un pennello e una vernice gialla. La leggenda vuole che, per portare a termine la sua missione, gli sia stata offerta questa vernice, residuo di quella usata all’epoca per segnare le strade del Paese. Insieme a un gruppo di volontari, si è dedicato a questo arduo compito.

Qualche anno dopo, gli sforzi del sempre impegnato sacerdote di Cebreiro diedero i loro frutti, portando alla ripresa del pellegrinaggio. Per questo, e per molti altri compiti come la promozione della creazione di associazioni per il recupero del Cammino, è stato nominato nel 1985 Commissario Coordinatore del Camino.

Oggi la Freccia Gialla è diventata uno dei simboli più internazionali del Cammino di Santiago ed è la segnaletica ufficiale dei diversi itinerari. Facilmente riconoscibile grazie al suo colore, guida i pellegrini per chilometri fino alla loro destinazione finale, la Cattedrale di Santiago de Compostela.

Perché la freccia è gialla?

Freccia gialla cammino di Santiago

Il motivo di scegliere il giallo per disegnare le frecce sul cammino, attuale simbolo della rotta giacobina, va ricercato per tre motivi. Il primo, perché hanno una buona visibilità. Il secondo, perché nel paese gallico, da cui proviene un gran numero di pellegrini, il giallo non c’era tra i colori con cui i sentieri erano segnati. E il terzo, perché Valiña si rivolse a un’impresa di lavori pubblici a Pedrafita do Cebreiro per chiedere la vernice avanzata che è stata utilizzata per delimitare le strade ed era di colore giallo.

Il documentario che racconta la storia della nascita della freccia gialla

Le città di Lugo che attraversano il Cammino Francese conservano un grande legame con Elías Valiña, il parroco di O Cebreiro che dipinse le frecce gialle lungo il percorso giacobino. Tuttavia, per la Galizia è ancora una figura “sconosciuta”, secondo Aser Álvarez, che sta girando un documentario sul Sarriano. “La Galizia è in debito con lui”. L’opera di questo regista sarà la prima con cui Valiña potrà farsi conoscere attraverso contenuti audiovisivi. Esistono libri e articoli sul lavoro del sacerdote, ma questa volta verrà creata una pagina web con diversi prodotti multimediali che gli daranno una visibilità senza frontiere.

Aser Álvarez fece il Cammino di Santiago per la prima volta quando Elías Valiña era appena morto. Conosceva la sua figura come l’inventore delle frecce, ma indagando più a fondo scoprì un “pioniere solitario” che visse 60 anni, ma sembra “200 vite”. Valiña è stato un esempio di ospitalità, un promotore del Cammino ma anche una figura importante nella ricerca, ricevendo premi nazionali per le sue tesi sul patrimonio della provincia di Lugo e sul Cammino. “È stato un uomo d’azione ma anche di riflessione, distinguendosi per essere una persona di grande dedizione alla ricerca”, sottolinea Álvarez.

Quando ha scoperto tanti aspetti interessanti del sacerdote nato a Lier, Sarria, ma conosciuto come quello di O Cebreiro, Aser Álvarez ha deciso di dirigere il progetto “Elías Valiña. O inventor das frechas amarelas”, sponsorizzato dal programma O Teu Xacobeo e prodotto dall’associazione Acude Rural (Associazione per la Custodia del Territorio e lo Sviluppo Sostenibile). Qualche settimana fa hanno iniziato le riprese in diversi punti del Cammino Francese, da O Cebreiro, passando per Triacastela, il villaggio natale di Valiña o Sarria. In ogni punto hanno intervistato sindaci, studiosi di Elías – come Lois Celeiro -, e anche diversi membri della sua famiglia. Un anno fa è venuta a mancare la nipote Pilar Armesto Valiña, una delle parenti che più hanno ereditato il suo impegno nel Cammino, ma il figlio José Luis López e un altro nipote omonimo, nonché il figlioccio Elías Valiña, ne conservano ancora la memoria.

Sul sito web del documentario è possibile vedere video, fotografie audio, podcast, testi e anche la documentazione originale del parroco. Una volta pubblicato, alla fine di ottobre, sarà presentato nelle città del Cammino.

O Cebreiro, un villaggio che segue le sue orme

La “missione” di Elías Valiña di segnalare l’intero Cammino Francese con le iconiche frecce gialle ha coinvolto i suoi parenti e i vicini di O Cebreiro. Questa iniziativa ha trasformato il villaggio di Os Ancares nel punto di riferimento del “risorgimento del fenomeno Xacobeo”. Anche il regista del primo documentario sul Sarriano, Aser Álvarez, ha voluto dimostrare con questo progetto che lo spirito di cura e promozione del Cammino è ancora vivo.

In primo luogo, nell’ambiente familiare. “Valiña era il leader della sua squadra, che era la sua famiglia, e tutti seguivano le sue orme nel lavoro sul Cammino di Santiago”, dice. Ma ha lasciato il segno anche nell’attuale parroco, Paco Castro. Con lui, il team del documentario ha registrato una sorta di “videoblog” in cui mostra la sua vita quotidiana con i pellegrini e i vicini, influenzata dal lavoro di Valiña. “Paco continua questo spirito unificatore e questa dedizione ai pellegrini”, dice Álvarez.

Infine, sono i pellegrini e gli abitanti della zona che hanno continuato il cammino dove lui aveva lasciato quando è morto all’età di 60 anni. Ne è prova la scrittrice canadese Laurie Denet, che si è trasferita a O Cebreiro dopo essere stata pellegrina e ha creato il primo “giardino tranquillo” in Spagna sul percorso giacobeo. “Il lavoro di Valiña trascendeu fronteiras”. La parte più ufficiale dell’impronta del suo lavoro è, evidenzia Álvarez, la rete di associazioni create intorno al Cammino di Santiago.

Altri articoli

Tutte le informazioni del sito racchiuse nel Manuale del Cammino di Santiago