Il cammino di Santiago recupera gradualmente il movimento dopo la fine dello stato di allarme

Si vedono sempre più pellegrini per le strade di Compostela tra zaini e bastoni da passeggio.

Un’esperienza diversa, ma unica, è quella descritta dai camminatori che arrivano all’Ufficio di Accoglienza del Pellegrino di Santiago de Compostela, ogni giorno più numerosi.
L’ingresso a Santiago dopo aver terminato il Camino è ancora speciale per coloro che ritirano la loro compostela; in alcuni casi per mettere fine alla durezza del cammino e in altri per cancellare dalla lista un piano che durante tutto quest’ultimo anno è sembrato molte volte inimmaginabile.
Ci sono diversi tipi di casi, ma la verità è che con l’ultimo allentamento delle restrizioni, specialmente con la fine dello stato di allarme, sempre più persone sono incoraggiate a prendere lo zaino.
Ieri, per esempio, sono arrivati gruppi da Madrid o dalla Catalogna e la voglia di uscire e godersi l’esperienza pesa ancora molto, come indicato da David e Miguel, di Vigo, che sono arrivati lunedì in un gruppo di otto.
Nel loro caso sono partiti da O Cebreiro e hanno fatto il viaggio in tre lotti, il primo dei quali a Pasqua. “Non lo facevamo spesso per lavoro, perché non potevamo unirci sette giorni, ma l’importante era farlo in un modo o nell’altro”, dicono. Per Miguel è stato il suo terzo Camino e David l’ha fatto anni fa da Roncisvalle, mentre i più piccoli del gruppo hanno debuttato con un’esperienza “molto buona per loro dopo un anno come quello che abbiamo avuto”, descrivono gli adulti responsabili.
Viaggiare in pandemiaIl viaggio, dire queste persone da Vigo, era secondo le circostanze che segnano la pandemia. “Non abbiamo vissuto alcune esperienze, ma in cambio ne abbiamo avute altre. Alla fine non si attraversa con così tante persone e si vive tutto con più tranquillità, che è anche un vantaggio”, dice David. Per quanto riguarda i pernottamenti, il gruppo ha optato per gli ostelli, che erano chiusi all’inizio dell’anno, ma con una pianificazione. “Abbiamo prenotato in anticipo per evitare problemi, ma abbiamo visto tutto molto vuoto”, dice Miguel.

Un altro di coloro che è stato incoraggiato a camminare è Miguel Mora, un madrileno che è arrivato ieri da A Fonsagrada dopo aver finito il Camino Primitivo. “L’esperienza è stata buona, ma molto dura”, descrive Miguel stanco. E il viaggio non è stato duro solo per lui, ma anche per il suo cane, un pinscher che ha aspettato in macchina – che il camminatore ha parcheggiato in città prima di andare a A Fonsagrada con i mezzi pubblici – mentre il suo proprietario ha raccolto la sua compostela.
“L’ho quasi uccisa”, scherza il pellegrino, che si lamenta che in molti ostelli non consentono animali e spera di ripetere l’esperienza, “ma più tardi”. Per il momento, distrutto dal viaggio, celebra il Camino, che nonostante la sua durezza gli è servito per riflettere. “Con tutto quello che abbiamo passato, avevamo bisogno di schiarirci le idee”, conclude.

Questo Camino non ha niente a che vedere con quello del 1993. Così dice Chus Iglesias, arrivata ieri a Santiago con le sue tre amiche Carmen Blázquez, Yolanda Barreiro ed Elisa Leirado. Questi ultimi erano pellegrini per la prima volta, ma tutti coincidono nella stessa sensazione per descrivere un percorso che hanno iniziato a Sarria: la tranquillità. Questa è la parola più ripetuta dai pellegrini che arrivano a Santiago e che le quattro donne hanno descritto in modi diversi. “Questo è stato molto diverso. Niente a che vedere con il mio altro Camino, nel 93. L’atmosfera era diversa: si incontravano più persone, si facevano queimadas e così via”, ricorda Chus.
In generale raccontano un viaggio piacevole, che non ha nemmeno alterato il cattivo tempo, tranne qualche acquazzone dell’ultimo minuto. “Il sabato siamo arrivati con il raffreddore”, riassume Yolanda. E questo è l’unico aspetto negativo che le quattro donne raccontano durante questi giorni di cammino, poiché in assenza del viavai di pellegrini tipico di qualsiasi altro Anno Santo, questa volta il gruppo ha goduto della mancanza di clamore. “Abbiamo vissuto l’esperienza in un modo diverso e la cosa più bella è stata quasi quella: non incontrare nessuno per tutta la strada e respirare tutta quella calma nella foresta”, dice Elisa.

Le camere condivise

Come per il soggiorno, questi quattro pellegrini di Vigo hanno scelto di lasciare da parte gli ostelli per questa volta, riducendo così i contatti con altri escursionisti e quindi le possibilità di contagio. “Siamo andati più per le pensioni e così via. Siccome ci conoscevamo, abbiamo preferito condividere una stanza con noi quattro, più che altro per motivi di sicurezza”, spiega Carmen. E anche se la vaccinazione funziona a pieno ritmo e la riduzione dei contagi – a seconda del tempo e della zona – la prudenza prevale ancora tra i pellegrini che arrivano a Santiago dopo un Camino che ha molto da offrire: poca folla per il momento, ampi spazi naturali e una tranquillità molto desiderata.

Il fine settimana sono stati distribuiti più di 300 compostele dopo settimane con quasi nessuna attività

L’Ufficio del Pellegrino comincia a recuperare attività con il passare delle settimane e le cifre di questi giorni non hanno nulla a che vedere con quelle dell’inizio dell’anno. I primi mesi del 2021 sono iniziati con molti giorni a zero: a gennaio sono stati consegnati 60 compostelas (54 agli europei, di cui 27 spagnoli) e a febbraio solo quattordici. Marzo è stato un po’ meglio con 194 arrivi e in aprile ce ne sono già stati 1.024. Ora a maggio, la settimana scorsa è iniziata lunedì con 33 persone arrivate all’Ufficio; nel fine settimana (sabato e domenica) lo hanno fatto in totale 332; e ieri mattina ne sono state contate 160 in cerca della loro compostela, cifre che mostrano un interesse che continua a esistere e che, a meno di restrizioni, continuerà a farlo.

Leggi anche: