Primi pellegrini a Santiago: più donne e furono seppellite nelle loro case con la conchiglia

Facebook
WhatsApp
Telegram
Stampa

Una ricerca scientifica rivela che il Cammino di Santiago nel Medioevo era un fenomeno urbano diffuso in egual misura tra uomini e donne.

Le fonti storiche elencano una serie di motivazioni diverse che spingevano i pellegrini medievali, a partire dal IX secolo, ad attraversare la penisola iberica per venerare le reliquie dell’apostolo San Giacomo: desiderio di guarigione fisica e spirituale, adempimento di pene canoniche o civili, promesse o giuramenti, esperienza personale, spirito avventuroso e persino pellegrinaggi in nome di un defunto. Fino all’XI secolo, solo i membri del clero o della nobiltà, accompagnati da un numeroso seguito, potevano permettersi di completare il Cammino di Santiago. Ma da quel momento in poi i vari percorsi divennero più accessibili e sicuri per tutti, comprese le donne, grazie alla nascita di ordini militari, ostelli e ospizi.

La più grande analisi scientifica multidisciplinare dei resti umani dei pellegrini giacobini ha rivelato che quasi la metà dei devoti cristiani che si recavano a Santiago erano donne che sono riuscite a superare le avversità sociali e culturali. Tuttavia, lo studio internazionale, pubblicato questa settimana sul Journal of Archaeological Science: Reports , sottolinea un’importante sfumatura: le pellegrine dovevano avere uno status sociale e/o economico più elevato, come si evince dalle differenze nella dieta – soprattutto un maggior consumo di proteine animali – rispetto ai loro compagni maschi, che avevano un profilo più vario, da persone umili a persone benestanti.

“Ammetto che avevo un’idea errata e preconcetta che gli uomini sarebbero stati i principali pellegrini su percorsi lunghi come il Cammino di Santiago. È stata una grande sorpresa per me scoprire una presenza così massiccia di donne”, confessa Patxi Pérez-Ramallo, ricercatrice presso l’Istituto Max Planck di Geoantropologia (Jena, Germania) e la Facoltà di Medicina dell’Università dei Paesi Baschi e autrice principale di un articolo scientifico che include altri risultati unici.

In totale, 82 individui adulti identificati in otto siti archeologici situati in Navarra e Aragona, come le necropoli intorno alle cattedrali di Pamplona e Jaca, e collegati al percorso primitivo, il cosiddetto Cammino francese, sono stati analizzati mediante tecniche osteologiche, isotopi stabili e datazione al radiocarbonio. La cronologia dei cadaveri va dall’XI al XV secolo. Tutte queste persone sono state sepolte secondo il rito cristiano in tombe rettangolari antropomorfe o in pozzi irregolari con pareti a cista, coperti da lastre di pietra. Almeno 20 di loro erano pellegrini, dato che la conchiglia rappresentativa della capasanta, un oggetto di grande valore religioso, è stata trovata sul luogo della loro sepoltura.

“Non conosciamo le ragioni esatte per cui è stato deciso l’uso di questo simbolo, ma possiamo dire che è stato utilizzato almeno dall’XI secolo, come dimostrano i risultati del radiocarbonio”, conferma Pérez-Ramallo. E aggiunge un’altra questione rilevante: “I pellegrini identificati con la conchiglia di capesante provenivano probabilmente dall’estremo nord della penisola. Ciò significa che un gran numero di pellegrini è tornato a casa ed è stato sepolto con le proprie conchiglie dopo aver percorso il Cammino. La maggior parte di loro non è morta sulla via del ritorno, ma nel luogo di origine. Si trattava, quindi, di persone provenienti dalla stessa penisola iberica, anche se non possiamo escludere una geografia simile, come il sud della Francia”.

Fenomeno urbano

Pamplona è un esempio significativo per visualizzare alcune delle conclusioni della ricerca. Gli individui ritrovati nella Plaza de San José, intorno alla cattedrale, corrispondono al profilo di un abitante del luogo che ha compiuto il Cammino di Santiago ed è tornato alla sua città d’origine; mentre quelli documentati nella Plaza del Castillo, dove sono stati scoperti i resti del cimitero del convento di Santiago, che fungeva da ospedale, potrebbero essere potenziali pellegrini stranieri che sono periti durante il viaggio da o verso Pamplona – questo caso “eccezionale” è stato documentato nella chiesa di Santa María de Arlas, a Peralta. Jaca, invece, mostra un numero rilevante di uomini pellegrini di condizione umile, cosa non così abbondante in altri siti.

Quattro individui identificati con conchiglie di capesante nella necropoli di Plaza del Castillo e nelle chiese di Arlas, Santa María de Ujué e San Saturnino de Artajona avevano una dieta con un alto contenuto di proteine animali e marine. Questi valori sono vicini a quelli osservati in altre ricerche sui membri dell’élite sociale iberica dell’epoca. Lo studio suggerisce che questi individui avevano uno status socio-economico elevato nelle città in cui sono stati sepolti. A partire dal IX secolo, la partecipazione di vescovi, re e nobili al Cammino di Santiago fu costante. Infatti, Alfonso II “il Casto” è considerato uno dei primi pellegrini a Santiago de Compostela nella storia.

Due conchiglie di capesante trovate in tombe di pellegrini medievali. Patxi Pérez-Ramallo

Patxi Pérez-Ramallo spiega nei dettagli lo studio che suggerisce anche che il pellegrinaggio era principalmente un fenomeno urbano – a partire dal IX secolo, le città medievali emersero nel nord della penisola e apparve una nuova massa sociale (la borghesia), composta da artigiani, mercanti e altre professioni non legate alla campagna ma con una maggiore indipendenza individuale ed economica -, è stata integrata con l’analisi di individui contemporanei anch’essi sepolti negli stessi luoghi, permettendoci di confrontare i pellegrini con potenziali autoctoni, o di identificare potenziali individui stranieri (migranti o pellegrini) di cui non esistevano resti archeologici delle popolazioni.

“Questo ci ha mostrato e suggerito che il profilo dei pellegrini corrispondeva agli individui urbani”, sostiene il ricercatore. “D’altra parte, gli isotopi dell’ossigeno, che ci aiutano a sapere se erano locali o stranieri, mostrano che la maggior parte degli individui provenienti da popolazioni urbane (città o villaggi) erano locali. D’altra parte, i risultati dei pellegrini analizzati in popolazioni rurali come Arlas, Peralta, suggeriscono che potrebbero essere non locali e abbiamo osservato una dieta diversa da quella degli altri individui locali analizzati in questa popolazione rurale”. Inoltre, va notato che la stragrande maggioranza dei soggetti sepolti da conchiglie è stata scoperta in insediamenti urbani.

Il fatto che lo studio sia stato limitato alle regioni della Navarra e dell’Aragona risponde alla necessità di fornire un contesto simile dal punto di vista geografico e climatico, facilitando così la sua analisi e interpretazione. Pérez-Ramallo invita altri ricercatori spagnoli a condividere i loro risultati sui pellegrini per confermare le ipotesi e poter disegnare uno scenario più ampio. “C’è ancora spazio per ulteriori studi, ampliando gli individui e le regioni, nonché il tipo di analisi. Infatti, stiamo attualmente effettuando analisi del DNA antico in collaborazione con l’Università di Stoccolma e il dottor Ricardo Rodríguez Varela”, conclude.

Le informazioni su questo sito sono gratuite!

Aiutaci a mantenerlo aggiornato e sostienici acquistando il Manuale del Cammino di Santiago.
Una pubblicazione cartacea con tutte le informazioni di questo sito e oltre. 

Altri articoli