Cammino di Santiago: molti gli ostelli municipali, parrocchiali e donativi non apriranno nel 2020

I protocolli di prevenzione che la crisi sanitaria costringe ad adottare hanno messo in difficoltà gli albergue donativi, municipali e parrocchiali lungo il Cammino di Santiago.

Né Grajal, Sahagún, Calzada, Bercianos, né i due comuni di El Burgo Ranero apriranno le loro porte quest’estate in un esercizio di prudenza, ma anche molto condizionati dagli investimenti che dovranno essere fatti per accogliere i pellegrini con tutte le garanzie.

Grajal de Campos

Il municipio di Grajal de Campos ha deciso di “non aprire le porte” del suo ostello comunale, dice il consigliere comunale Marcos Felipe. La città, adiacente al Camino de Madrid, offre uno spazio unico sul sentiero, un rifugio situato in quello che la leggenda dice fossero i sotterranei della Casa Palacio, con capacità per 18 persone. L’assessore di Graliarense ritiene che debba prevalere la cautela, che il coronavirus sia ancora presente e che, con questo provvedimento, “si curino anche gli interessi dei vicini stessi”.

Sahagun

Neanche Sahagun aprirà. Una volta analizzate le infrastrutture e le restrizioni che dovrebbero essere applicate, questa sistemazione verrebbe ridotta a otto persone. “Terremo d’occhio la domanda, ma l’apertura, in questo momento, è fuori questione”, ha detto il consigliere comunale Ramón Rodríguez de Alaíz. “Con il protocollo in mano, solo otto persone potevano dormire. Non si tratta di pensare alla redditività del servizio, ma se si aggiunge a questo flusso di pellegrini l’investimento che si dovrebbe fare nell’ostello, l’assunzione di personale, la manutenzione, le misure di disinfezione… non è fattibile. Bisogna anche tener conto del fatto che Sahagún ha un’offerta privata”, spiega Rodríguez de Alaíz.

L’ostello donativo che aprirà quest’estate, probabilmente dal 10 luglio, è quello delle Madri Benedettine, attualmente gestito dai Padri Maristi.

Uno dei responsabili, un religioso, Daniel Fernández, li spiega. “Stiamo terminando una serie di lavori e l’idea è di aprire il 10 luglio. Dobbiamo preparare molte cose, perché l’ostello ha caratteristiche molto particolari, e garantire la sicurezza di chi arriva, di noi e della stessa gente di Sahagún. Stiamo parlando di persone di passaggio e il controllo deve essere totale”, dice Fernandez. L’ostello delle benedettine ha una capacità di 50 persone, anche se questa sarà ridotta al 50%. Anche se non si aspettano nemmeno lontanamente che quest’estate i pellegrinaggi ritornino al solito ritmo, i religiosi sono fiduciosi che, facendo bene le cose, il Cammino riprenderà presto il suo tono.

Strada El Coto

“Dobbiamo ridurre gli spazi, assumere personale… vedremo, ma abbiamo già escluso l’apertura a luglio”, spiega Fran Alonso Rojo, consigliere comunale di Calzada del Coto, un altro degli albergues no profit della regione, in questo caso comunale. “Sono molti i requisiti per così poche garanzie. Inoltre, è un turismo culturale di convivenza, di abbracci, di vicinanza… la gente cerca l’atmosfera nel sentiero e nei rifugi. È un argomento molto delicato e nei piccoli ostelli come il nostro (quello di Calzada non arriva a 40 posti letto) è difficile stare al passo con quello che chiedono. Vedremo come andrà, ma tra un mese non apriremo”, ha detto l’assessore. “Ora viviamo in una bolla… vedremo con la ‘nuova normalità’ come si evolve.

Bercianos del Real Camino

Anche l’ostello di Bercianos del Real Camino, di natura parrocchiale, terrà le porte chiuse, principalmente per due motivi: per proteggere la comunità e per favorire l’imprenditoria locale: “la previsione è che quest’anno non ci saranno molti pellegrini che faranno il Cammino di Santiago e non mi sembra logico che, per quattro di loro che passeranno, ci prenderemo cura di loro”. Il settore alberghiero ha avuto un periodo difficile”, ha detto il parroco di Bercianos, Jorge García.

El Burgo Ranero

Il municipio di El Burgo Ranero ha due ostelli comunali, uno a El Burgo (sul cammino Francese) e un altro a Calzadilla de los Hermanillos (Vía Trajana).

Per ora, nessuno dei due ammetterà ospiti… “certamente non il 1° luglio”, dice il sindaco, Gerásimo Vallejo, che non esclude di studiare l’apertura dei rifugi più tardi. “Stiamo aspettando le regole, ma sarà complicato. Quello che possiamo dire è che, da oggi, l’intenzione non è quella di aprire”.

Fonte