cattedrale santiago
La metafora del cammino
luglio 19, 2018
Cammino di Santiago, le statistiche di giugno 2018: 45685 pellegrini, francese il più frequentato
luglio 30, 2018

Il viaggio verso ovest, seguendo le frecce gialle che conducono a Santiago de Compostela e alla tomba dell’apostolo Giacomo, scopre il nord della Penisola attraverso luoghi pieni di storia e bellezza. Che si tratti della Via Costiera, della Via Francese, della Via Basco-Rioiana, della Via Libanese o di qualsiasi altra via giacobina, a piedi, in bicicletta o a cavallo, il Cammino di Santiago è un’esperienza unica e arricchente. Ecco una 12 curiosità sul cammino di Santiago che vale la pena conoscere.

1. Il percorso originale

Era l’anno 829, secondo la leggenda. Un pastore trova una strana tomba in una parte remota della Galizia. Lo comunica al Vescovo Teodomiro, e a quest’ultimo al Re Alfonso II il Casto, che allora governava un piccolo regno cristiano isolato tra i monti. Il re asturiano decise di andare personalmente a verificare la scoperta, che potrebbe significare un drastico cambiamento nella situazione isolata del suo regno. Raccolse il suo entourage e prese quella che allora era l’unica strada da Oviedo alla Galizia, che attraversava Grado, Cornellana, Salas e il porto di El Palo fino a quando non è entrato in Galizia via A Fonsagrada. E’ quella che oggi chiamiamo Via Primitiva, considerata, quindi, la più antica delle vie di pellegrinaggio a Compostela.

La Fontana del Vino ricorda che nel Medioevo nessun pellegrino si vedeva negare un pezzo di pane e un bicchiere di vino.

2. Perché tante sono le strade che portano a Santiago?

Perché dalla scoperta della presunta tomba del discepolo di Gesù in Galizia, ogni viaggiatore ha fatto la sua strada, dalla porta della sua casa a Compostela. Alcuni dei percorsi e delle tracce sono diventati più popolari e sono stati utilizzati per vari motivi (sicurezza, facilità di approvvigionamento), ma non ha mai avuto l’esclusivo soprannome di Camino de Santiago. Nel 1993, l’UNESCO ha inserito il Cammino di Santiago nella lista dei siti Patrimonio dell’Umanità e per mettere ordine nel caos si è deciso che il premio andasse al Cammino Francese, il più popolare dell’antichità. Ancora oggi è il più frequentato. Nel 2015, il titolo di Patrimonio Mondiale dell’Umanità è stato esteso all’itinerario nordico, con le sue diverse varianti. Ma in realtà il Cammino di Santiago inizia dalla vostra porta di casa.

3. L’emergere di ostelli privati

Se qualcosa ha cambiato il volto dei cammini, soprattutto il francese, è stata la proliferazione di ostelli privati negli ultimi anni. Nessuno voleva perdere l’occasione. Qualsiasi casa lungo il percorso è probabile che diventi un ostello, più simile agli ostelli backpacker di una città europea rispetto agli ostelli tradizionali che erano sul Cammino 10 anni fa. Un dato di fatto: nel comune di Sarria (Lugo), nella parte galiziana del Cammino Francese, ci sono non meno di 30 ostelli (27 privati e 3 pubblici). Sette di loro, uno dopo l’altro su Rua Maior.

4. Organizzare le tappe del cammino di Santiago su Internet

Le memorabili cene comunitarie, che pochi ostelli donativi conservano ancora, sono state caratterizzate da un nuovo elemento: il telefono cellulare e il wifi. “Prima c’era più condivisione, ora ci sono persone meno presenti a cena e più attente ai cellulari”, ha ammesso purtroppo un hospitalero. Le nuove tecnologie hanno anche portato ad un cambiamento di abitudini: ora prenotiamo un alloggio su internet, ci colleghiamo via Facebook per richiedere un posto in ostello… La sensazione generale è che tutto sia più concordato, più studiato, più organizzato. Ci sono infatti dei siti web che ti organizzano tutto il cammino: dici loro quanti giorni e cosa vuoi pagare e prenotano gli ostelli e le coincidenze per il trasporto bagagli tra di loro. Ma come si dice, ognuno ha il suo cammino, ed è giusto così.

Leggi anche  Cammino di Santiago: come prevenire e curare le vesciche ai piedi

5. Una prova della sfida

La Compostela è il documento che attesta che il Cammino è stato fatto da devotionis affectu, voti vel pietatis causa (da devozione, da voto o da pietà). Si tratta di una pergamena latina rilasciata dall’Ufficio Pellegrino di Santiago a nome della Chiesa, e viene donata solo a coloro che possono dimostrare, con la credenziale del pellegrino, di aver percorso gli ultimi 100 chilometri a piedi o a cavallo o gli ultimi 200 in bicicletta.

6. La Bibbia del Cammino

Dalla rinascita dei pellegrinaggi a Compostela negli anni ’90, sono state scritte innumerevoli guide, romanzi, saggi e trattati sul fenomeno di San Giacomo. Ma tutti bevono in un modo o nell’altro dalla stessa fonte, lo studio più rigoroso e dettagliato che sia mai stato fatto sull’argomento. I Pellegrinaggi a Santiago de Compostela, monumento letterario scritto da tre medievalisti di fama internazionale, Luis Vázquez de Parga, José María Lacarra e Juan Uría Riu. Pubblicato per la prima volta nel 1948, è costituito da tre volumi che divennero una fonte indispensabile per lo studio e la conoscenza del fenomeno.

 

7. Chi è stato il primo pellegrino?

Non si saprà mai, ma la storia ha dato questo titolo ad un certo Gotescalco, arcivescovo di Le Puy, che nel 950 partì dall’Aquitania accompagnato da una numerosa delegazione. Quel viaggio ha poi dato impulso al grande flusso di pellegrini provenienti dalla Francia. Nel 961 un nobile francese, Raymond II, marchese di Gothia, fu ucciso lungo il Cammino, ma nessun documento chiarisce le circostanze. Molti secoli dopo, nel 1668, il principe italiano Cosme de Medici si imbarcò in uno dei primi pellegrinaggi documentati. Accompagnato da 40 persone, ha visitato Santiago e poi ha continuato via mare per le isole britanniche. C’è stato anche il pellegrinaggio per delegazione. Un documento del 1312 spiega come il francese Yves Lebreton soddisfaceva i requisiti del pellegrinaggio per conto della contessa d’Artois.

 

8. Apostolo perduto, apostolo riapparso

Nel 1558, temendo un attacco dei pirati inglesi comandato da Francesco Drago contro la tomba dell’apostolo, san Clemente, arcivescovo di Compostela, nascondeva l’arca con i resti dell’apostolo Giacomo il maggiore. Per 300 anni non si seppe più nulla e riapparvero nel 1878, durante alcuni lavori di restauro dell’altare maggiore della cattedrale di Compostela intrapresi dai cardinali Payá e Rico, quando gli operai trafissero una volta nascosta e trovarono i resti scheletrici di tre uomini. Nel 1884, papa Leone XIII approvò quattro anni di lavoro scientifico con la bolla Deus Omnipotens, in cui riconosceva che i resti trovati erano effettivamente quelli dell’apostolo e di due suoi discepoli.

Leggi anche  Cosa c'entra il gioco dell'oca con il Cammino di Santiago? Ecco la storia

 

9. Acqua e vino

Poco prima di Ayegui, e poco prima del monastero di Irache, in Navarra, si trova la famosa fontana del vino, un “rubinetto miracoloso” che Bodegas Irachem tiene aperto accanto a un altro rubinetto d’acqua, in memoria di quel frutto gratificante e riparatore della vite che serviva come carburante per i camminatori primitivi, recuperando così almeno la metà della tradizionale offerta ospedaliera nel Medioevo, quando a nessun pellegrino è stato negato un pezzo di pane e un bicchiere di vino. La fontana ha anche una webcam per vedere in tempo reale i pellegrini che riacquistano forza in essa. Si tratta puramente di una trovata commerciale.

 

10. Le città “resuscitate” con il Cammino

Il potere rivitalizzante che questa nuova epoca d’oro delle strade sta avendo si manifesta a Foncebadón, un villaggio sulle montagne di León, poco prima di raggiungere la Cruz de Fierro. Nel 1990, Foncebadón era un villaggio abbandonato in rovina. Oggi ci sono due ristoranti, tre ostelli privati, un altro ostello parrocchiale e un supermercato. E quasi tutte le case di Calle Real sono state restaurate. La Via, come nel Medioevo, è ancora una volta un motore economico e una fonte di ripopolamento.

11. Il ponte più importante

Nel 15 ° secolo, i pellegrinaggi cavallereschi divenne di moda. Uno dei suoi episodi più famosi si è verificato sul ponte sul fiume Órbigo a Hospital de Orbigo (León), uno dei più belli del percorso francese. Nel luglio 1434, anno del Giubileo, il cavaliere di León, Suero de Quiñones, si alzò in piedi sul ponte e sfidò qualsiasi cavaliere che volesse attraversarlo a rompere tre lance contro di lui. Per un mese don Suero e i suoi guardiani fecero la guerra a chiunque fosse alla loro portata. Sembra che sia stato ucciso un solo contendente. Dopo la spavalderia, che è conosciuta come il Paso Honroso, sono andati in pellegrinaggio a Santiago.

12. Chi ha inventato le frecce gialle?

Le frecce gialle che uniscono le Vie dei Pellegrini a Santiago e che ne sono diventate l’icona più universale cominciarono ad essere dipinte negli anni Ottanta – quando la Via dei Pellegrini a Santiago era una grande incognita e non c’erano quasi studi su questa tradizione – da due grandi promotori del pellegrinaggio a Santiago de Compostela: Elías Valiña, sacerdote di O Cebreiro, la prima città galiziana del Cammino Francese, e Andrés Muñoz, logopedista della Navarra e presidente dell’Associazione degli Amici del Cammino di Navarra, che hanno dedicato buona parte della sua vita al miglioramento e alla conservazione del Cammino Francese. Da allora, varie associazioni di Amici del Cammino hanno evidenziato, migliorato e mantenuto la segnaletica nelle loro rispettive aree di competenza.

 

 

Hai qualche suggerimento o desideri portare la tua esperienza? Lasciami un commento!

Benvenuto! 🙂

L’ultimo articolo pubblicato è:

Black friday Amazon le migliori offerte per il trekking.

Leggi

 

error: Il contenuto è protetto e non puoi copiarlo. Se sei interessato a un contenuto contattami.