Pamplona

Questo luogo lo incontro lungo:

Pamplona è la più grande città della Spagna che incontrerai sul Cammino Francese partendo da Saint-Jean-Pied-de-Port ed è la capitale della Navarra. Seppure conosciuta per questo, Pamplona non è solo la corsa dei tori, ma anche una città dai mille volti amata da Hemingway . Se ti chiedi a Pamplona cosa vedere, scopri le attrazioni da non perdere, come il Cammino di Santiago che attraversa questa città millenaria, tappa principale del famoso pellegrinaggio. Vivrai nove giorni di festeggiamenti per la festa di San Firmino e potrai ammirare i balli e i canti, oltre alla storica “corsa dei tori” che si svolge ogni anno dal sei al quattordici luglio.

Pamplona è molto più di soli tori e feste: ammirerai la bellezza della Chiesa di San Lorenzo, la Cattedrale di Pamplona e gli antichi palazzi del centro. Se cerchi calma e relax, esplora i viali del Parco de La Taconera, le vecchie mura difensive della città, il Parco de la Ciudadela e il campus universitario. Inoltre, come tappa del Cammino di Santiago, Pamplona ha una connessione millenaria con i pellegrini diretti a Santiago de Compostela. Scopri tutti i luoghi d’interesse e non perdere la Rosa di Santiago!

Uno dei personaggi che spesso viene associato alla città di Pamplona è certamente Ernest Hemingway, celebre scrittore e giornalista americano, vincitore del premio Nobel per la letteratura nel 1954 , che ha amato Pamplona al punto da tornarci dieci volte. Durante la festa di San Firmino nel 1923, ebbe l’ispirazione per i suoi reportage, mentre due anni dopo, durante il suo viaggio per ricercare materiale narrativo, scoprì l’affascinante tecnica del torero Cayetano Ordóñez, che lo ispirò per il suo celebre romanzo “Fiesta”. Hemingway ha lasciato un’impronta indelebile sulla città e sui luoghi che frequentava: il Café Iruña, l’Hotel La Perla e Casa Marceliano.

Il legame tra Hemingway e la città di Pamplona è così profondo che ancora oggi, dopo decenni dalla morte dello scrittore, è possibile seguire le orme del grande autore americano passeggiando per le strade della città. Ad esempio, al Café Iruña, frequentato da Hemingway durante i suoi soggiorni a Pamplona, è possibile sedersi al suo tavolo preferito e ordinare il suo cocktail preferito, il “Death in the Afternoon”.

Cenni storici sulla città di Pamplona

La pianura del bacino di Pamplona è stata abitata per migliaia di anni, come dimostrato dai reperti archeologici. La città ha subito molte influenze culturali e politiche nel corso della sua storia, tra cui l’arrivo dei Romani, dei Visigoti e dei Musulmani. Nel X secolo, è nato il Regno di Pamplona, che è durato per oltre trecento anni. Nel XII secolo, la città si è espansa con l’arrivo di nuovi emigranti e ha dato origine a tre quartieri distinti che hanno lottato per il potere fino a quando non sono stati uniti nel 1423. Dopo la conquista della Navarra da parte della Castiglia, Pamplona è diventata un avamposto di frontiera e ha costruito forti mura difensive. Nel XVIII secolo, la città ha cercato di modernizzarsi, ma è stata interrotta dall’invasione napoleonica. Nel XIX secolo, la Navarra ha subìto molte tensioni politiche e sociali, compresa la lotta per l’autonomia fiscale. Pamplona si è espansa con nuovi quartieri e progetti modernisti a partire dal 1888, ma è rimasta completamente murata fino al 1915.

Informazioni pratiche

Il Centro di Interpretazione del Cammino di Santiago, Ultreia , situato in Calle Mayor, è il secondo centro di informazione turistica, oltre a presentare la storia della città e il suo rapporto con il Cammino di Santiago attraverso risorse interattive e audiovisive. È stato progettato come un centro ad accessibilità universale, quindi adatto a tutti i tipi di pubblico.

Nell’ufficio turistico potrai trovare la carta di sconti turistici Pamplona-Iruña Card (PIC) , la card ufficiale per il turista con il quale si possono ottenere diversi vantaggi nella visita di musei e siti turistici, nell’acquisto di biglietti per spettacoli o sconti nei negozi.

Le principali attrazioni di Pamplona

La Chiesa di San Lorenzo e la cappella di San Firmino di Pamplona

Panoramica della Chiesa di Lorenzo a Pamplona

La Chieda di San Lorenzo di Pamplona è l’inizio della processione di San Firmino il 7 luglio, poiché ospita la statua del Santo. Durante la festa, tutti i servizi religiosi ufficiali hanno luogo in questa chiesa costruita nel 1901 su un progetto di Florencio Ansoleaga che sostituisce un altro edificio barocco.

Le imponenti mura di Pamplona

Stiamo parlando di mura bastionate con una lunghezza totale di 5 chilometri. Queste mura impenetrabili sono cresciute ed evolute nei secoli allo stesso ritmo della città. Oggi possiamo quindi goderci una piacevole passeggiata tra bastioni, baluardi e fortezze con una vista privilegiata sulla città, che termina con l’imponente Cittadella. L’intero complesso è imponente, quindi vi consiglio di prendervi il tempo necessario per visitarlo.

Le parti delle mura che mi sono piaciute di più sono quelle vicino alla Plaza de la Virgen de la O per la vista e il Parque de la Taconera dove giardini e mura si combinano perfettamente, il Paseo del Redín per i migliori punti panoramici e, naturalmente, la Cittadella e la sua perfetta forma pentagonale. Consigliamo anche una passeggiata lungo le rive del fiume Arga che ci darà un’altra prospettiva delle mura della città e di luoghi meravigliosi come il Ponte della Magdalena (Puente de la Magdalena).

Ma prima di tutto questo, vi consiglio di visitare il Centro di Interpretazione delle Fortificazioni di Pamplona . Qui potrete conoscere la storia e l’evoluzione delle costruzioni difensive che da sempre caratterizzano la città. È completamente gratuito e, a mio parere, ne vale la pena.

Oggi le mura sono diventate lo scenario perfetto per tutta una serie di attività ricreative. Queste sono al culmine durante il mese di agosto grazie al Festival delle Mura, di cui vi parlerò più avanti.

Piazza del Castello di Pamplona

Il centro nevralgico e di svago per eccellenza della capitale della Navarra. A Pamplona tutte le strade portano alla Plaza del Castillo, un enorme spazio porticato circondato da eleganti edifici del XVIII secolo e da un bellissimo chiosco centrale. Senza dubbio un buon posto per iniziare la visita della città durante il giorno e concluderla la sera assaggiando i famosi pinchos (tapas) di Pamplona.

Tra tutti i bar e i ristoranti che riempiono la piazza, spicca l’elegante Café Iruña. Un luogo bellissimo che ci riporta alla belle epoque e a quegli interminabili pomeriggi di San Fermín con clienti illustri come Ernest Hemingway. C’è una piccola sala con una statua a grandezza naturale dello scrittore.

La cattedrale di Pamplona

Un vero gioiello gotico in un ambiente neoclassico, la Cattedrale di Santa María la Real di Pamplona è una miscela di stili che nasconde grandi tesori. Tra questi, le tombe reali di Carlo III di Navarra e di Eleonora di Castiglia e il chiostro gotico, considerato uno dei più belli del suo stile.

La visita, che comprende la chiesa, il chiostro, il museo e la casa del campanaro, può essere effettuata da soli o come visita guidata, entrambe allo stesso prezzo (vedi orari e prezzi qui ). Dal lunedì al sabato, alle 11:15, è prevista una visita alla torre dove si trova la Campana di Maria. La vista di Pamplona dalla cima del campanile è tra le migliori.

Il Municipio e Piazza del Municipio di Pamplona

Il Municipio di Pamplona è uno degli edifici più spettacolari da vedere a Pamplona. Si trova in Plaza Consistorial, accanto all’ufficio del turismo, e la sua importanza risiede nella bella facciata barocca e nei colori vivaci. La piazza in generale è molto bella e c’è una grande atmosfera a tutte le ore del giorno.

Ogni 6 luglio, durante il Chupinazo de San Fermines (il lancio del razzo che annuncia la Festa di San Firmino.), questa piazza può ospitare fino a 12.500 persone contemporaneamente, tre persone per metro quadro! Quando vedrete le dimensioni reali di questa piazza capirete che queste cifre sono pazzesche.

Chiesa di San Saturnino

San Saturnino è il patrono di Pamplona e questa chiesa costruita in suo onore è una delle più belle di Pamplona. Si distingue per le due torri e per l’atrio porticato che invita a entrare. Inoltre, basta guardare ai nostri piedi per scoprire l’antico pozzo in cui San Saturnino battezzò i primi cristiani della città, tra cui il nostro prossimo protagonista, San Fermín.

Il percorso della corsa dei tori di Pamplona

Sebbene non sia interessato al mondo delle corride, anzi, si può notare gran parte del centro storico di Pamplona ricorda le corse dei tori di San Firmino. È possibile fare l’intero percorso a piedi dai Corrales de Santo Domingo, passando per l’emblematica via Estafeta, fino a raggiungere l’arena e il famoso Monumento alla Corsa dei Tori. Sono disponibili anche visite guidate all’interno dell’arena.

Le strette vie del centro storico di Pamplona

Il quartiere storico di Pamplona colpisce per le sue dimensioni, la sua bellezza e la sua atmosfera a tutte le ore del giorno. Ti consiglio di dimenticare per un attimo la mappa e di lasciarti trasportare da alcune delle sue stradine. Soprattutto al tramonto, quando i raggi del sole filtrano attraverso gli edifici e ci lasciano le più belle viste della zona.

Altri luoghi da visitare sono l’Archivio Generale della Navarra e il suo impressionante modello di Pamplona, il Museo della Navarra, anch’esso molto interessante, e la chiesa di San Nicolás, tra gli altri.

Tra l’altro, è d’obbligo una passeggiata lungo una delle strade più belle della città. Si tratta di Calle Redín. Per un attimo sembra di essere stati trasportati in un piccolo villaggio di case basse dalla tipica architettura navarrese. È bellissima e si trova accanto alla Cattedrale.

Le tapas di Pamplona

Una lista di cose da fare a Pamplona non sarebbe completa senza un percorso gastronomico. Sì, Pamplona è una città ideale per andare a mangiare pinchos e birra (il claret è molto popolare qui). Per questo, ci sono diverse strade da non perdere. Queste sono Calle Estafeta e Calle San Nicolás. Entrambe si trovano nel centro pedonale e sono molto vicine tra loro.

Potete immaginare l’atmosfera piena di taverne, con la gente che invade le strade e un odore nutriente che esce dai locali. È sicuramente un ottimo modo per verificare di persona che questa città si è guadagnata la reputazione di destinazione gastronomica di alto livello.

Un giardino giapponese con vista sul cielo

Ci siamo allontanati dal centro storico per scoprire un luogo molto curioso. A Pamplona ci sono molte aree verdi, come il Parco della Taconera, le rive del fiume Arga o la stessa Cittadella. Ma ora vi porterò in un parco giapponese. No, non mi sono confuso. Si tratta del Parco Yamaguchi e, sebbene sia minuscolo, la verità è che l’ho trovato davvero bello. Un concetto puramente giapponese.

Inoltre, proprio qui si trova anche il Planetario di Pamplona . Quindi, se sei appassionato/a dei misteri dell’universo non puoi perdertelo.

Le principali manifestazioni a Pamplona

Ogni periodo dell’anno è buono per visitare Pamplona. Ad eccezione della festa di San Firmino, quando prenotare un alloggio è un’impresa impossibile e la popolazione della città si moltiplica, ci sono alcuni periodi dell’anno che sono perfetti per trovare quell’atmosfera in più senza troppa folla. Vediamo alcuni dei migliori.

Il Festival delle Mura

Ogni estate, le mura di Pamplona si vestono a festa per accogliere una marea di attività culturali. Spettacoli di danza, performance musicali, teatro e ogni tipo di disciplina artistica trovano spazio in un evento che riempie di vita e colore il monumento più spettacolare di Pamplona, le sue mura.

Ho avuto la fortuna di viverlo di persona e posso assicurarvi che vale la pena di programmare una visita in estate per godersi l’atmosfera. È pensato per tutte le età, per i turisti, per la gente del posto e per chiunque abbia voglia di visitarlo. Non capita tutti i giorni di vedere danze verticali su un bastione o i bastioni illuminati dalla luce di centinaia di candele al tramonto al suono di musica dal vivo. Qui puoi trovare il programma degli eventi.

La festa di San Firmino Tkikito

Se la corrida non fa per te, ti può interessare sapere che alla fine di settembre si tiene un’altra festa meno affollata: la festa di San Fermín Tkikito o San Fermín de Aldapa. Il centro storico della città si riempie di feste di strada, bande di ottoni, balli tradizionali e l’amatissima compagnia di giganti e testoni. In breve, una Festa di San Firmino in scala ridotta.