Il cammino Portoghese

da Tui a Santiago de Compostela

Punto di partenza: Tui

Lunghezza: 100km circa

Da Lisbona a Santiago ci sono circa 600 chilometri di pellegrinaggio che possono essere percorsi in 24 giorni ad una media di 25 chilometri al giorno. Da Porto, il numero di chilometri è ridotto a 240 e ci vogliono 10 giorni, e da Tui, 119 chilometri, che può essere fatto comodamente in 5 o 6 giorni.

Il percorso portoghese centrale parte dalla capitale Lisbona e risale il paese portoghese da sud a nord passando, tra l’altro, per le città di Alverca do Ribatejo, Santarém, Golegã, Tomar, Alvaiázere, Rabaçal, Coimbra, Mealhada, Águeda, Oporto, São Pedro de Rates, Barcelos, Ponte de Lima, Rubiães e Valença do Minho. Entra in Spagna attraverso Tui e continua attraverso O Porriño, Redondela, Pontevedra, Caldas de Reis e Padrón fino a Santiago de Compostela.

Di tutti gli itinerari giacobei, è probabilmente uno dei meno irregolari. Anche se ci sono alcune colline fastidiose, non ci sono salite come O Cebreiro.

Il Cammino portoghese attraversa la pianura dell’ex provincia portoghese di Ribatejo ed entra nella più aspra Beira Litoral, per continuare attraverso le regioni naturali di Douro Litoral e Minho. In Galizia, il percorso corre parallelo alle Rías Bajas di Vigo e Pontevedra, ma questo paesaggio marittimo rimane proibito e quasi nascosto dal percorso di pellegrinaggio.

Segnaletica
La segnaletica del cammino portoghese completo tra Lisbona e Santiago, secondo José Antonio de la Riera nel prologo della guida portoghese pubblicata dall’Asociación Galega Amigos do Camiño de Santiago (AGACS), è terminata il 14 maggio 2006. E’ stato il risultato dello sforzo, della passione e del lavoro congiunto dell’Associazione galiziana con l’instancabile Alexandre dos Santos Rato e le Associazioni degli Amici del Cammino del Portogallo, come quelle di Valença do Minho e Ponte de Lima. Pur essendo stati completati nel 2006, i lavori di segnalamento per la sezione galiziana sono iniziati nel 1992 dall’AGACS e una prima guida è stata pubblicata nel 1993. Da Tui a Santiago non c’è pericolo di perdersi perché, come il resto degli itinerari giacobei, è afflitta dai tipici punti di riferimento con l’indicatore di distanza della Xunta de Galicia.

Gli ostelli
La presenza di ostelli per pellegrini lungo la Via Centrale Portoghese alla fine del 2010 non è uniforme.

Tra Lisbona e Porto non ci sono ostelli per pellegrini come li conosciamo in Spagna e il pellegrino deve stare nella caserma dei Bombeiros Voluntários, a Posadas de la Juventud o nelle case parrocchiali. Accolti in uno o l’altro sono a Lisbona, Alverca do Ribatejo, Vila Franca de Xira, Azambuja, Santarém, Golegã, Tomar, Alvaizere, Ansião, Zambujal, Coimbra, Mealhada, Águeda, Albergaria-A- Velha, Olivera de Azemeis, São João da Madeira, Lourosa e Porto.

Tra Porto e Valença do Minho ci sono già degli ostelli per i pellegrini comunali o per gli ordini religiosi in molti dei punti più comuni della tappa. È il caso di Vilarinho, São Pedro de Rates, Barcelos, Ponte de Lima, Rubiães e Valença do Minho.

Alla fine del 2010 ci sono 13 ostelli nella sezione spagnola con un totale di circa 440 posti letto, le cui informazioni sono dettagliate nella guida. Dieci sono pubblici – della Xunta e molti sono comunali, due sono privati e l’altro è di proprietà della comunità francescana di Herbón ed è gestito dalla Asociación Galega Amigos do Camiño de Santiago. Visto il successo della partecipazione a questo strano itinerario, non sono più emersi ostelli privati. In anni di maggiore affluenza, come il 2010, le piazze sono carenti e di solito vengono allestiti edifici temporanei per ospitare i pellegrini.

Secondo itinerario più frequentato dopo il cammino francese:
Le statistiche non ti ingannano. Prendendo i dati raccolti dall’Ufficio di Accoglienza dei Pellegrini di Santiago vediamo che il Cammino Portoghese è dal 2004, quando cominciarono ad essere prese le cifre, la seconda via di pellegrinaggio con più ricchezza dopo il Cammino Francese. E’ in attesa di itinerari riconosciuti come il cammino del Nord, la Via Argentea e il cammino Primitivo e solo nel 2010, fino al 30 novembre, aveva percorso almeno i suoi ultimi cento chilometri non meno di 32.848 pellegrini.

Lista ostelli e albergues

Tappa 1: Tui – O Porriño

  • Albergue de peregrinos de Tui. Tui (Pontevedra)
  • Albergue TuiHostel. Tui (Pontevedra)
  • Albergue Santo Domingo. Tui (Pontevedra)
  • Albergue Villa San Clemente. Tui (Pontevedra)
  • Albergue San Martín. Tui (Pontevedra)
  • Albergue Home. Tui (Pontevedra)
  • Albergue de peregrinos de O Porriño. O Porriño (Pontevedra)
  • Albergue Alojamiento Camino Portugués. O Porriño
  • Albergue Casucho da Peregrina. O Porriño, a 5 km del casco urbano (los propietarios vienen a recoger).

Tappa 2: O Porriño – Redondela

  • Albergue de Peregrinos Santa Ana de Veigadaña. Veigadaña (Concello de Mos)
  • Albergue Santa Baia de Mos. Mos (Pontevedra)
  • Albergue O Corisco. Parroquia de Saxamonde (Concello de Redondela)
  • Albergue de peregrinos Casa da Torre de Redondela. Redondela (Pontevedra)
  • Albergue A Casa da Herba de Redondela. Redondela (Pontevedra)
  • Albergue El Camino (Redondela). Redondela (Pontevedra)
  • Albergue A Conserveira. Redondela
  • Albergue Alfonso XII. Redondela
  • Albergue Santiago Apóstol. Redondela
  • Albergue Rosa d’Abreu. Redondela

Tappa 3: Redondela – Pontevedra

  • Albergue O Refuxio De la Jerezana. Cesantes
  • Albergue O Recuncho do Peregrino. O Viso (Concello de Redondela)
  • Albergue Lameiriñas. Arcade
  • Albergue de Pontevedra La Virgen Peregrina. Pontevedra
  • Albergue Aloxa Hostel. Pontevedra
  • Slow City Hostel Pontevedra. Pontevedra
  • Albergue Acolá. Pontevedra

Tappa 4: Pontevedra – Caldas de Reis

  • Albergue de peregrinos de Barro. San Mamede de Portela (Pontevedra)
  • Albergue de peregrinos de Briallos. Briallos (Concello de Portas)
  • Albergue Turístico Catro Canos. Tivo-Caldas de Reis
  • Albergue Posada Doña Urraca (Caldas de Reis). Caldas de Reis (Pontevedra)
  • Albergue O Cruceiro. Caldas de Reis
  • Albergue Timonel. Caldas de Reis

Tappa 5: Caldas de Reis – Padrón

  • Albergue de peregrinos de Valga. O Pino (Valga)
  • Albergue de peregrinos de Pontecesures. Pontecesures
  • Hospital de Peregrinos de Herbón. Herbón (A Coruña)
  • Albergue Flavia. Padrón (A Coruña)
  • Albergue de peregrinos de Padrón. Padrón
  • Albergue Corredoiras. Padrón (A Coruña)
  • Albergue Camiño do Sar. Padrón (A Coruña)
  • Albergue Rossol. Padrón
  • Albergue A Barca de Pedra. Padrón (A Coruña)
  • Albergue O Pedrón. Padrón
  • Albergue Cruces de Iria. Iria Flavia

Tappa 6: Padrón – Santiago de Compostela

  • Albergue La Calabaza del Peregrino. Faramello (Concello de Teo)
  • Albergue de peregrinos de Teo. Faramello (Concello de Teo)
  • Albergue Compostela Inn. Teo
  • Albergue Milladoiro. O Milladoiro
  • Albergue Mundoalbergue. Santiago de Compostela
  • Albergue Seminario Menor La Asunción. Santiago de Compostela
  • Albergue O Fogar de Teodomiro. Santiago de Compostela
  • Albergue Acuario de Santiago de Compostela. Santiago de Compostela
  • Residencia de Peregrinos San Lázaro. Santiago de Compostela
  • Albergue Turístico La Salle. Santiago de Compostela
  • Albergue Meiga Backpackers. Santiago de Compostela
  • Albergue Azabache. Santiago de Compostela
  • Albergue The Last Stamp. Santiago de Compostela
  • Albergue La Estrella de Santiago. Santiago de Compostela
  • Albergue Roots & Boots. Santiago de Compostela
  • Albergue Porta Real. Santiago de Compostela
  • Albergue La Estación. Santiago de Compostela
  • Albergue La Credencial. Santiago de Compostela
  • Albergue Monterrey. Santiago de Compostela
  • Blanco Albergue. Santiago de Compostela

1^ tappa: Tui - O Porrino 18,7Km

Km 0. Ponte Internazionale

Il Cammino Portoghese parte da Valença ed entra in Spagna attraverso il Ponte Internazionale sul fiume Miño, inaugurato nel marzo 1886 e influenzato dai disegni del francese Gustave Eiffel. Il camminamento laterale è un ottimo punto di vista della città di Tui, erede di uno dei mansios della 19a strada romana che collegava Braga a Lugo e Astorga. I primi bar ci portano al Centro per la cooperazione di polizia e doganale per proseguire dritti lungo i viali del Portogallo e della Galizia. Prima di raggiungere un distributore di benzina, all’incrocio verso la A-55 e la PO-552, svoltare a destra verso il Parador de Turismo San Telmo, una fedele ricostruzione di una casa padronale galiziana con crociera inclusa (Km 0,8).

Dopo di che arriviamo ad una pietra miliare lungo il Cammino di Santiago di Compostela, che segna 115,454 chilometri per Santiago de Compostela. Sulla sinistra, il sentiero della barca ci offre una vista panoramica del centro storico e della cattedrale fuori le mura, in alto. Ci avviciniamo per le strade Obispo Maceira, Arrabal de Freanxo e già in salita attraverso Baixada o Arrabal de Freanxo e Rua Piñeiro, dove si gira di novanta gradi a sinistra per intraprendere l’ultimo sforzo lungo Rúa Sanz. Dopo l’edificio conosciuto popolarmente come Cárcel Vieja, con un portale del 1584, si raggiunge la cattedrale di Santa María, un tempio-fortezza tra il periodo romanico e il primo gotico della penisola iberica, consacrata nel 1225.

Km 2.1. Tui (Tutti i servizi)

Il circuito cittadino visita immediatamente l’antico ospedale per poveri e pellegrini, costruito nel 1756 e oggi Museo Diocesano. L’ostello pubblico e la cappella di San Telmo si trovano a pochi metri più in basso, sulla destra. Proseguiamo accanto al Municipio e facciamo una passeggiata alla chiesa – convento delle Sorelle Povere, che circondiamo lungo Rua das Monxas. Dopo il passaggio a volta, girare a sinistra per Canella Tide e scendere a Rúa Tide, dove si trovava la porta Bergán, uno degli ingressi alle mura della città. Dopo ottanta metri, svoltare a sinistra per Rúa Antero Rubín, che ci conduce alla chiesa gotica di Santo Domingo, con due buone pale d’altare barocche del XVIII secolo. Abbiamo superato un arco, oggi un cavalcavia, e poi, dopo una leggera curva, abbiamo preso la strada sulla destra. attenzione alla deviazione! Si accede alla chiesa parrocchiale di San Bartolomeo de Rebordans, riconoscibile per la sua imponente croce settecentesca. Accanto al transetto si trova la chiesa romanica di San Bartolomeo de Rebordans, che è stata profondamente trasformata. Meritano le capitali originali che raccontano scene come la cena di Erode.

Km 3.2. San Bartolomeo di Rebordania

Lasciamo la chiesa sulla sinistra per prendere un sentiero che passa davanti ad una lavanderia e ad un’area pic-nic. Un piccolo angolo di natura decorato dalla piccola tenuta galiziana lascia il posto a una pista asfaltata e al Ponte da Veiga sul fiume Louro. E’ di origine medievale e si trova alla nostra destra. Riprendiamo la passeggiata su un’altra strada sterrata, apparentemente coincidente con il tracciato della XIX strada romana, per poi prendere una strada che passa davanti allo sfioratore dei Rebordans e raggiunge la N-550, una strada che collega A Coruña a Tui e che ci seguirà molto da vicino fino a Santiago. Attraversare la strada per entrare nella Vergine del Camiño, collegata alla parrocchia di Rebordans. Circa 80 metri dopo l’incrocio, girare a destra per incontrare la cappella della Vergine del Camiño.

Km 5.3. Vergine di Camiño

Quindi iniziare un paio di chilometri sul lato destro della strada PO-342. È ampio e rivestito con un materiale confortevole su cui calpestare. Non appena iniziamo, passiamo sopra l’A-55, l’autostrada atlantica, e circa un chilometro e mezzo più tardi sotto l’AP-9. All’incrocio di Paredes, circa 250 metri dopo il passo sotto l’autostrada, fate attenzione e lasciate la strada sulla destra. Sulla AP-9 e lungo una pista forestale raggiungeremo il Ponte das Febres attraverso il torrente San Simón. È coperto da una passerella e prende il nome da San Telmo, che si ammalò fino alla sua morte nella primavera del 1251. Pedro González Telmo, che è stato chiamato così, è lo skipper dei marinai (Km 8). Attraverso questo piacevole paesaggio ombreggiato, protetto dalla vegetazione sulle rive del fiume Louro, si raggiunge A Magdalena, dalla parrocchia di Santa Comba de Ribadelouro di Tudan.

Una Maddalena (Bar. Vending)

Dopo una casa, dove sono stati installati i distributori automatici, si attraversa una strada e si prosegue dritto. All’uscita del paese si incontra un Calvario composto da cinque incroci e si gira a destra alla pietra di confine 106.888 per attraversare un bel ponte con grandi lastre sul Louro (Km 10). Un altro tratto piacevole – sempre seguendo il sentiero più largo – ci porta a Orbenlle, che appartiene alla parrocchia di San Salvador de Budiño, nel comune di O Porriño.

Km 10.9. Orbenlle (Bar)

Nuovo percorso alternativo (500 metri di lunghezza):

Nelle vicinanze di Orbenlle si trova un percorso alternativo che da settembre 2013 evita la zona industriale. La sintesi di questa descrizione si basa sul lavoro dell’AGACS su questo percorso ed è opera di José Antonio de la Riera, Manuel Garrido, Luis Freixo e Manuel G. Vicente:

L’alternativa parte 300 metri dopo il k.p. 106.048 per Santiago. Si tratta di un ingresso sulla sinistra, accanto al cartello. Questa variante scende leggermente tra una fitta vegetazione fino al guado di A Ponte Baranco, sopra il Louro, per poi attraversare un passo invernale. Da questo punto, una strada sterrata tra vigneti e alberi conduce ad un sentiero asfaltato che attraversa la parrocchia di San Xurxo de Mosende, visitando i luoghi di Monte, Vides e Cruceiro. Un altro passo invernale successivo, noto agli abitanti del villaggio come il “Passo Botate”, conduce ad un sentiero terroso. In seguito, un sentiero locale conduce alla parrocchia di Santiago de Pontellas, accanto alle case di Centeáns. Qui, una ‘croce di mortos’ lascia il posto a una magnifica crociera, situata sulla vecchia Camino Real a Vigo. In questa variante si aspettano ancora più sorprese, come la cappella di San Carpione e il suo transetto, così come il Quinta do Adro o Quinta da Inquisición, dove il percorso è separato dal Camino Real. Una strada locale con pista pedonale e ciclabile conduce da questo punto al sentiero che segue il sentiero del fiume Louro (non attraversare il fiume anche se si vedono le frecce, progredire sempre con il letto del fiume sulla destra!) e che raggiunge lo stesso ostello pellegrino in O Porriño (Km 19,2).

Itinerario attraverso la zona industriale:

Attraversiamo Orbenlle su un sentiero asfaltato fino all’area di sosta gestita dall’Associazione Culturale A Lagoa (Bar). Lo scenario si trasforma completamente da qui, come la zona industriale As Gándaras si erge a nostro modo e ci aspetta con sfida qui sotto. Lo attraversiamo lungo un rettilineo faticoso e infinito a quasi tre chilometri per salutarlo, accanto a una passerella labirintica che attraversa i binari ferroviari e ci porta ai piedi dell’N-550 (km 15,4).

Vicino alla strada ci sono diversi bar, caffetterie e società di servizi. Siamo nella parrocchia di Atios, e se la linea retta del poligono era lunga e noiosa, quella che segue non è meno noiosa. Superiamola e lasciamo la N-550 sulla sinistra, vicino alla pietra di confine 99,408 km, per entrare in O Porriño su Rúa Manuel Rodríguez. In pochi metri si imbocca sulla destra la rúa San Sebastián, dove si trova l’omonimo eremo, e poi si passa a lato della cappella di San Benito. Lasciando l’area di Rúa Fernández si vedono le absidi della chiesa di Santa María e l’accesso a Rúa Ramón González e al municipio, un capriccioso lavoro dell’architetto Antonio Palacios da Porriño iniziato nel 1921. Dopo il Municipio c’è una rotonda. Se proseguiamo verso Mos e Redondela proseguiamo dritti; se finiamo la tappa qui giriamo a sinistra su Avenida Buenos Aires. Salviamo il passaggio a livello e di fronte al fiume Louro è l’ostello pellegrino.

Km 18,7. O Porriño (Tutti i servizi)

 

2^ tappa: O Porrino - Redondela 15,2Km

Km 0. O Porriño (Tutti i servizi)

Torniamo dall’ostello, attraversando il passaggio a livello, alla rotonda in Piazza Centrale. Qui giriamo a sinistra per via Ramiranes fino alla rotonda della N-550, che separa il Concello de O Porriño da quello del Mos. Si passa subito sotto la A-52, l’autostrada Rías Bajas che proviene da Benavente, e si entra in Ameiro Longo, luogo della parrocchia di Sanguiñeda e Concello de Mos.

Km 1,5. Ameiro Longo

Passiamo la Fonte do Chan e accanto a una lapide in omaggio ai fratelli Novás, rinomati alpinisti galiziani che hanno incoronato ben ottomila persone. Dopo il baldacchino giriamo per incontrare di nuovo l’N-550. Secondo la nuova delimitazione ufficiale, a questo punto dobbiamo attraversare la strada nazionale e proseguire dritto accanto ad alcune navi con la strada di Quiringosta in direzione di Piñeiro, dove passeremo sotto i binari del treno. Percorriamo una strada locale che attraversa un fiume e piantiamo un po’ più avanti, davanti a un incrocio a T, che seguiamo sulla destra. Abbiamo così avanzato con la strada locale per Veigadaña, che ha avuto un ostello pellegrino dal marzo 2015.

Il prossimo punto di riferimento significativo della scena è il nucleo principale di Mos, rappresentato dalla chiesa barocca di Santa Eulalia, la casa padronale del XVII secolo e l’ostello dei pellegrini. Accanto alla chiesa c’è un bar-ristorante (chiuso il lunedì) e di fronte all’ostello c’è il negozio gestito da Flora.

Km 5.5. Mos (Loggia. Bar. Negozio.)

A questo punto iniziamo una rampa impegnativa per l’incrocio policromo di Os Cabaleiros del XVIII secolo e dotato di due lanterne (Km 6,1). Per strada locale si superano i nuclei sparsi di Os Cabaleiros e A Pereira, dove una sterrata tra querce, pini ed eucalipti ci conforta con tanto asfalto ma su cui torneremo a breve in località Inxertado (Km 7,8). Sopra abbiamo tagliato attraverso un sentiero che ritorna alla strada all’altezza della cappella di Santiaguiño de Antas, ristrutturata nel 2003 e si trova nel punto più alto della giornata.

Km 8,5. Cappella di Santiaguiño de Antas (Bar)

Attraversando la strada si entra nel Concello de Redondela e dopo 100 metri ci si imbatte nella pietra miliare di Vilar-Guizán-Louredo, indicazione della distanza romana del 19° tracciato che collegava Braga ad Astorga. Immediatamente entriamo in Vilar de Infesta, formata come tutte le parrocchie galiziane da un buon numero di luoghi sparsi che ci disorientano, poiché è difficile sapere con certezza dove questo o quel luogo inizia o finisce. La chiesa parrocchiale si trova leggermente lungo la strada centrale e bisogna fare attenzione a fare una deviazione a sinistra che passa davanti al ristorante Choles barbecue (Km 10,2).

Di fronte al ristorante, l’itinerario si snoda a destra su una strada sterrata che conduce ad un’altra asfaltata. Tra i pini prendiamo un sentiero per accedere ai domini della parrocchia di Saxamonde. Prima il quartiere di Casal do Monte e poco più in là il quartiere di Padrón (km 11,5), che dall’ottobre 2016 ha l’ostello O Corisco. Ci immergiamo verso O Souto (Km 12,3) e raggiungiamo facilmente la N-550 a O Muro.

Km 13,8. O Parete (Bar)

Camminiamo per circa 600 metri lungo la strada nazionale e lasciamo sulla destra per entrare a Redondela. Ci imbattemmo subito nel primo edificio di rilievo: il convento di Vilavella, residenza per suore nel XVI secolo e oggi sede di eventi, matrimoni e battesimi. Dopo il convento passiamo sotto il viadotto Pedro Florani, inaugurato nel 1876 e catalogato come bene di interesse culturale e attraversiamo Rua Pai Crespo per attraversare Xoán Manuel Pereira (strada PO-250) e arrivare all’ostello dei pellegrini. E ‘stato allestito nella Casa da Torre, una casa padronale rinascimentale del 16 ° secolo che era abitata dalla famiglia Prego de Montaos.

Km 15,2. Redondela (Tutti i servizi)

3^ tappa: Redondela - Pontevedra 18,2Km

Km 0. Redondela (Tutti i servizi)

Accanto alla facciata dell’ostello dei pellegrini si trova la stretta rúa de Queimaliños, che proseguiamo dritto, lasciando la Praza da Alhóndiga sul lato destro. Senza cambi di direzione ci colleghiamo ai Rúas do Cruceiro, Loureiro e da Picota e passiamo sotto una delle arcate del viadotto Pontevedra, aperto nel 1884 e ancora oggi testimone quotidiano dei treni che circolano tra Vigo e Pontevedra. Scendiamo alla riunione della N-550, strada che attraversiamo accanto alla facciata barocca della cappella di Santa Mariña (Km 0,7).

Lungo la rúa del Campo de Fútbol, parallelamente alla N-550, abbiamo superato il campo di gioco comunale e lasciato Redondela dietro la fabbrica di legname per entrare nella parrocchia di Cesantes. Dopo la prima strada, in leggera salita, svoltare a destra sulla strada Zacande (Km 1,7). Al successivo bivio sulla destra si trova la via Torre de Calle, che ci accoglie con una bella rampa e un cavalcavia che attraversa i binari della ferrovia, dopo di che si svolta a sinistra sulla Camiño Real de Cesantes. Questo sentiero bello ma breve conduce al Camiño de Abreavella, che imbocchiamo a sinistra per incontrare la N-550.

Km 3.1. Cesantes. N-550 (Ostello. Bar)

L’intersezione con la strada nazionale, con molto traffico, è una macchia nera che dovrebbe essere risolta. Dopo la traversata entriamo nella parrocchia di O Viso, precisamente nel luogo di Tuimil. Fare attenzione a una deviazione sulla sinistra, seguita da una salita che porta a una fontana di pietra e un parco giochi, un buon posto per prendere ossigeno e calmare la secchezza (km 3,7).

Il pendio si sgonfia su una sterrata posteriore che sale a sinistra e conforta la compagnia di pini ed eucalipti che lottano per lo spazio. Abbiamo raggiunto la prima tappa della giornata accanto alle rovine di una vecchia casa postale, un luogo per il riposo, il rifornimento e il cambio dei monti (Km 4,3). Trecento metri più tardi si ha una vista panoramica sulla fine della foce del Vigo, punteggiata di case che pendono lungo il fianco della montagna. Più in basso lasciamo la N-550 (se torniamo indietro di 250 metri raggiungiamo l’ostello O Recuncho do Peregrino) e la attraversiamo di nuovo per proseguire lungo la spalla fino all’ingresso di Arcade, chiesa parrocchiale del Consiglio del Soutomaior.

Km 6.3. Arcade (Ostello, Bar, Sistemazione, Negozi, Centro Salute, Farmacia, Cassiere)

L’itinerario urbano passa attraverso una nicchia decorata con motivi che vanno dal Cammino di Santiago a Santiago di Compostela e ricca di stampe e dediche di ogni genere. La fonte do lavandeira ci riporta sulla strada nazionale, che attraversiamo di nuovo per proseguire lungo Rúa das Lameiriñas. Sul nostro percorso attraverso Arcade, non vedremo la chiesa di Santiago, né vedremo il famoso castello di Soutomaior, a pochi chilometri di distanza. Dopo aver attraversato la strada di Rosalía de Castro avremo la possibilità di fermarsi in un bar o acquistare in qualsiasi negozio, anche se possiamo farlo anche nella seguente posizione.

Scendiamo a Ponte Sampaio, un colossale guado di pietra di talee angolate che attraversa il fiume Verdugo, che dopo un percorso di 41 chilometri termina proprio qui. Durante la guerra d’indipendenza, su questo ponte si combatté una battaglia che portò al ritiro dei francesi dalla Galizia.

Km 8. Ponte Sampaio (Bar e negozio accanto alla chiesa)

Dall’altro lato del ponte si trova la città, già collegata al municipio di Pontevedra. L’itinerario lascia la strada a sinistra per passeggiare e non visita la chiesa parrocchiale di Santa Maria, originaria del XII secolo ma molto distorta dalle riforme attuate nel XVIII e XX secolo. I servizi igienici sono anche messi da parte, più avanti lungo il ciglio della strada. Accanto ad un granaio svoltare a destra, superare il pazo de Bellavista e dopo un incrocio svoltare a sinistra. Dopo qualche curva in più lasciamo Ponte Sampaio in salita alla ricerca del luogo dove si trovava Ponte Nova, un ponte medievale con un arco che è stato frantumato nel 2006 da un’alluvione dal fiume Ulló. La strada portoghese è stata deviata e nell’ottobre 2010 è stato inaugurato un nuovo ponte, anche se ora in acciaio tagliato e cemento. Dopo il Ponte di Nova, il Cammino entra nella Brea Vella da Canicouva, un suggestivo percorso di grandi lastre che percorre l’itinerario dell’ottocentesca strada romana (Km 9,6).

I ciclisti avranno difficoltà a stare in bici e dovranno camminare per terra. La salita alla Brea Vella alterna tratti di pietre irregolari ad altri di terra e ghiaia. Prima di completare la salita raggiungiamo una pista asfaltata e la seguiamo sulla destra. Un altro paio di tornanti, uno dei quali vicino al punto di riferimento dei 72.061 chilometri per Santiago, che ci libera dalla strada. Così, attraverso un sentiero tra le querce e in seguito asfaltato entriamo nella parrocchia di Figueirido, nel comune di Vilaboa. Le prime case unifamiliari si trovano a Bergunde (Km 12,1). Più avanti si passa accanto ad una fontana con l’iscrizione montes de Figueirido e immediatamente dai luoghi di Boullosa e Alcouce.

Continuiamo la discesa fino ad incontrare il EP-0002, una strada che attraversa la parrocchia di Santa Comba de Bértola (km 13,2) e che conduce ad un breve tratto di eucalipti, castagni e querce. Dopo di lui, soprattutto nei mesi primaverili ed estivi, di solito ha aperto un chiosco. Poi attraverseremo un’altra strada e su una strada sterrata accanto ad alcuni campi di grano arriveremo alla cappella di Santa Marta, che risale al 1617 (km 14,7).

Da questo momento in poi, il palco ha poco da offrirci. Al posto di O Pobo (Qui si prende il percorso alternativo che evita la strada e corre placidamente sulle rive del fiume Tomeza!) si prende la strada EP-0002 entrando nella parrocchia di Tomeza, che già appartiene al comune di Pontevedra. Attraversiamo i seguenti luoghi, alcuni dei quali con bar: Casal do Rio, Lusquiños (Km 16,2) e O Marco. In quest’ultima, dopo aver superato una rotonda, proseguiamo lungo la via Ramón Otero e passiamo sotto i binari del treno. A 250 metri di distanza si trova l’ostello La Virgen Peregrina (Km 18,2). Poco più avanti, a 50 mt dalla stazione ferroviaria, c’è un ostello privato aperto nel 2014.

Km 18,2. Pontevedra (Tutti i servizi)

4^ tappa: Pontevedra - Caldas de Reis 23Km

Km 0. Pontevedra (Tutti i servizi)

Il più probabile è che l’itinerario tra l’ostello del pellegrino e il centro di Pontevedra sia stato intrapreso il pomeriggio precedente per visitare la città. Accanto alla stazione ferroviaria attraversiamo l’Avenida de Eduardo Pondal e imbocchiamo la via Gorgullón, dove si trova il cartello da 65.077 km. Sempre dritto, usciamo a Rua Virxe do Camiño, vicino all’omonimo hotel. Alla fine di questa strada, girare a sinistra per Rúa Sagasta e subito a destra per Rúa da Peregrina, una strada pedonale che converge sulla Plaza Peregrina, dove si trova la chiesa della Madonna Pellegrina, costruita nel 1778 e la cui pianta è a forma di capasanta.

Di fronte alla porta del Camiño, l’antica porta di Trabancos, entriamo nella Plaza da Ferrería, dove possiamo vedere il convento trecentesco di San Francisco, in stile gotico mendicante. Parallelamente ai portici della piazza ci colleghiamo con la piazza del Curros Enríquez e proseguiamo dritto lungo Rúa Real fino a raggiungere la piazza del Celso García de la Riega. Qui giriamo a sinistra per Rúa da Ponte, che lascia il centro storico e raggiunge il Ponte do Burgo, successore del pontile romano che il XIX sentiero attraversava il fiume Lérez. La fabbrica è medievale, ma è stata restaurata molto tempo dopo (Km 2,1).

Lo attraversiamo per riprendere la marcia lungo l’Avenida da Coruña, anche se dopo pochi metri dobbiamo continuare lungo la strada parallela sulla sinistra, Rúa da Santiña. Senza perdite e sempre dritto, raggiungeremo il quartiere di A Gándara e in seguito, accanto a un osservatorio delle paludi di Alba, una zona umida di 80 ettari che ospita centinaia di specie vegetali e 123 specie di uccelli. Siamo già all’interno della chiesa parrocchiale di Santa María de Alba a Pontevedra e dopo una discreta area pic-nic arriviamo alla località di Pontecabras (Km 4,6).

Si passa sotto le tracce e si prosegue verso Guxilde, dove sorge la chiesa di Santa Maria de Alba, costruita nel 1595 sotto la direzione di Mateo López ed erede del tempio consacrato nel XII secolo dal famoso arcivescovo Diego Gelmírez (km 5,2). Mezzo chilometro più avanti, dopo aver superato nuovamente i sentieri, si entra in San Caetano de Alba, dove si trova l’omonima cappella del XVIII secolo (Km 6,2).

La parrocchia di Cerponzons prende il sopravvento e il Cammino Portoghese visita due dei suoi luoghi: Leborei, dove c’è un distributore automatico, e O Castrado (Km 7,3). Al limite dei 56.996 km per Santiago inizia il tratto più impegnativo della giornata: un sentiero incanalato da un muro di pietre ricoperto di muschio ed edera (Km 8,2). Sotto l’aggrovigliato baldacchino vegetale si prosegue verso le rego do Pozo Negro, che si attraversano attraverso un rustico camminamento per raggiungere un passaggio a livello senza barriere. Dopo di essa entreremo presto nel forte>San Amaro, che appartiene alla parrocchia di San Mamede da Portela e il Concello de Barro.

Km 10.3. San Amaro (Bar Albergue de Barro poco più avanti)

L’itinerario prosegue lungo la locanda, passando per un’area di sosta. Nella località di A Cancela si trova la deviazione (Km 11,4) per Portela, dove si trova l’ostello Barro, nuovamente disponibile da giugno 2013. Jorge, l’ospedaliere, ha le chiavi della chiesa. Lasciamo A Cancela su un sentiero asfaltato e quando raggiungiamo una strada giriamo leggermente a sinistra per prendere un sentiero agricolo che conduce alla parrocchia di Agudelo, in particolare al luogo di Valbón.

Km 12,9. Valbón (Bar)

Ecco la nave da crociera Amonisa, con un’incisione del pellegrino Santiago sul pozzo rivolto a nord, verso Compostela. All’uscita si va paralleli ad un viadotto e si attraversano le rego do Areal su strada per scendere alla strada provinciale EP-9407. Appena la si attraversa si vede il confine degli ultimi 50 chilometri (km 14,9). Diversi binari conducono ora ad una piccola fabbrica che precede il nucleo di La Seca, ai piedi della N-550. Qui abbiamo anche la possibilità di ricaricare le batterie in un bar lungo la strada.

Km 16,6. La Seca (Bar-Shop. A poche centinaia di metri (Area ricreativa fiume Barosa con piscina e bar)

Sulla sponda della strada nazionale si attraversa il fiume Agra e si entra nel Concello de Portas. Subito dopo lasciamo la strada per un sentiero che esce a sinistra e passa attraverso il minuscolo nucleo di Barosa (a breve distanza si trova l’area ricreativa) per tornare alla N-550 dopo alcuni pergolati di vite. Si tratta di un passo fugace, in quanto lasciamo di nuovo entrare Briallos.

Km 18. Briallos (Loggia. Negozio)

Per andare all’ostello si deve girare fuori strada a circa 400 metri. In questo villaggio c’è un piccolo supermercato sull’altro lato della N-550, che è aperto tutti i giorni dalle 9.00 alle 21.00 e la domenica dalle 10.00 alle 13.00. Il numero di telefono è 986 54 08 08 69.

Ci sono ancora cinque chilometri per l’ostello a Caldas, rallegratevi. Lasciamo Briallos per incontrare la N-550 nella parrocchia di Arcos da Condesa e lasciamo di nuovo la strada per visitare la cappella di Santa Lucia (km 18,7). Proseguendo dritti, su sentieri con ombre quasi nulle che avanzano tra la N-550 e il fiume Chaín, proseguiamo fino al paese di Tivo. Speriamo che avrete un ostello, un bar-ristorante e un paio di fontane che vi invitano a fermarvi e combattere contro la stanchezza di questo tratto senza fine.

Km 20.8. Tivo (Ostello, Bar-ristorante)

Solo venti minuti dopo siamo entrati a Caldas de Reis, vicino alla chiesa di Santa Maria. La facciata occidentale e l’abside sono romaniche, ma con aggiunte del XVII e XVIII secolo, come le cappelle di San Diego e Carmen. Scendiamo fino al ponte sul fiume Umia, che nonostante la sua fitta vegetazione sommersa richiede un bagno nei mesi estivi, e poi giriamo a sinistra per Rúa Laureano Salgado per visitare la sorgente di Burgas, una sorgente di acqua termale costruita alla fine del XIX secolo. Lungo Rúa Real attraversiamo Caldas e raggiungiamo lo storico ponte industriale medievale sul fiume Bermaña. L’ostello del pellegrino si trova proprio accanto.

Km 23. Caldas de Reis (Tutti i servizi)

 

5^ tappa: Caldas de Reis - Padròn 18,5Km

Km 0. Caldas de Reis (Tutti i servizi)

Si deve andare dritto, senza perdite, lungo Rúa San Roque. Essa sfocia nella cappella dell’omonimo santo, patrono di Caldas de Reis, i cui festeggiamenti si svolgono a metà agosto. A questo punto, prendere l’N-550 ma lasciarlo dopo 150 metri su un sentiero sulla destra. Un tranquillo tratto rurale inizia con la vicina presenza del fiume Bermaña, ma è scosso da un viadotto. Tuttavia, è presto dimenticato grazie a diverse macchie di carballos ed eucalipti. Dopo alcune case nel piccolo paese di Lavandeira (Km 1,5), che lasciamo sulla destra, il percorso prosegue su una salita inestimabile in attesa di alcune rampe più fastidiose che portano infine alla parrocchia di Carracedo, ai piedi della N-550, dove ci sono un paio di ristoranti, panetteria e farmacia. Attraversare la strada e salire alla chiesa di Santa Mariña, epicentro della parrocchia di Carracedo e si trova nella località di O Campo.

Km 5.5. Santa Mariña de Carracedo (Ai piedi della N-550: Bar. Panetteria. Farmacia)

Dopo aver superato la chiesa si attraversa un nucleo di case che corrispondono a Gorgullón e dopo diversi incroci si scende alla N-550, che si attraversa di nuovo all’altezza di Casalderrique. Alla pietra di confine dei 34.584 km per Santiago diamo l’addio al Consiglio di Caldas de Reis e l’accesso al Consiglio di Valga, fermandosi su una pista che corre parallela al AP-9. Il Cammino lo attraversa più avanti nel villaggio di Casal de Eirigo, nella parrocchia di Setecoros, dove c’è anche un bar (Km 8,1). Il Casal è a pochi metri a sinistra e il Cammino riprende lungo l’autostrada, che lasceremo poi su un sentiero asfaltato che porta alla località di O Pino.

Km 9.3. O Pino (Ostello. Bar)

Il villaggio e i servizi si trovano accanto alla N-550, a circa 60 metri a sinistra del nostro itinerario. Dal 2011 c’è anche un ostello pellegrino della Xunta. Alla pietra di confine 32.410 per Santiago, svoltare a destra e percorrere un sentiero che si addentra gradualmente nel fitto Monte Albor, adattandosi al corso del fiume Valga. Lasciando la vegetazione, si attraversa il fiume (Protezione Civile del Concello de Valga (Comune di Valga ha uno stand per la maggior parte dell’anno per frequentare i pellegrini) ed entrare a San Miguel de Valga accanto alla chiesa di stile neoclassico del XVIII secolo.

Km 11,7. San Miguel de Valga (Bar-Shop)

I centri rurali non collegati di Cimadevila e Fontelo succedono a San Miguel. Dopo quest’ultimo, scendiamo per un sentiero asfaltato che ci porta alla strada per Regadío, una strada che ci accoglie nella località di Condide, nel comune di Pontecesures (km 14,3). Un chilometro più avanti, nel quartiere Infesta, si attraversa la strada che porta ad A Estrada. Dietro l’incrocio si trova il bar-ristorante A Mesa da Pedra, una particolare iniziativa alberghiera ideata dall’Associazione degli Amici del Cammino di Santiago su Internet. Pensate per i pellegrini, servono piatti tradizionali galiziani e una donazione è pagata in base a quello che ognuno che è stato vale la pena il suo menu.

Km 15.3. Infestazioni (Ostello. Bar)

Più avanti troverete anche l’ostello in Pontecesures, appartenente alla Xunta e inaugurato nel gennaio 2012. Il percorso prosegue dritto fino alla chiesa di San Julián. Ha ancora delle mensole romaniche (Km 15,8). Poi viene la deviazione per l’ostello del pellegrino a Herbón, che si trova a 3 chilometri da questo punto. Si trova in una dipendenza del monastero francescano, culla dei famosi peperoni Padrón, ed è gestito dall’Associazione galiziana degli Amici del Cammino de Santiago. Nel 2017 sarà aperto dal 2 aprile al 31 ottobre, e il cartello sulla deviazione vi avvertirà anche se è aperto o meno.

Km 16. Deviazione del Rifugio dei Pellegrini a Herbón

Verso Padrón, il Cammino attraversa un passaggio a livello per raggiungere il ponte sul fiume Ulla a Pontecesures. Il ponte, erede di un ponte romano, ha cambiato aspetto, prima nel XII secolo, poi nel 1790 e poi nel 1911 e 1956.

Km 16,3. Pontecesure (Tutti i servizi)

Quando attraversiamo il fiume salutiamo la provincia di Pontevedra per entrare nella provincia di A Coruña. Dopo il ponte sembra che siamo già nello stesso Padrón, ma non è così, ci sono ancora più di 2 chilometri per l’ostello. Con Puente Padrón raggiungiamo il fiume Sar, lo stesso fiume attraverso il quale i discepoli di Santiago sbarcarono con le spoglie dell’Apostolo nell’anno 42 o 44 della nostra era. Un lungo rettilineo parallelo a questo fiume conduce al mercato di Abastos e al Paseo del Espolón de Padrón, dove ci accoglie il monumento al Premio Nobel per la letteratura Camilo José Cela.

All’altro capo del Paseo si trova la statua in omaggio alla scrittrice Rosalía de Castro e alla chiesa di Santiago. Solo una pietra rimane del tempio romanico. L’attuale chiesa risale alla metà del XIX secolo e ha sostituito un’altra chiesa gotica. Sotto l’altare maggiore si trova il pedone, una pietra romana in pietra che serviva per ormeggiare la barca dove arrivarono i resti di Santiago e che ha dato il nome a questa città. Si gira accanto alla chiesa per attraversare il fiume e risalire l’argine del fiume fino al convento omonimo e l’ostello pubblico pellegrino.

Km 18,5. Padròn (Tutti i servizi)

6^ tappa: Padròn - Santiago de Compostela 25,5Km

Km 0. Registrati (Tutti i servizi)

Scendiamo fino al ponte sul fiume Sar e dopo aver circondato la facciata della chiesa di Santiago, ad un’estremità del Paseo del Espolón, imbocchiamo Rúa Murgadán. Più avanti, girare a destra in Rúa Corredoira da Barca e poi a sinistra in Calle de Dolores. Subito dopo, lasciando la stazione degli autobus sulla destra, abbiamo attraversato di nuovo il fiume per entrare in Iria Flavia, chiesa parrocchiale del Concello de Padrón ed ex sede vescovile, che ha cessato di essere a favore di Compostela quando il corpo dell’Apostolo è stato scoperto. Subito dopo aver attraversato la N-550 troviamo la collegiata di Santa Maria d’Adina, anteriore al periodo visigotico ma con molteplici lavori di ristrutturazione fino al XVIII secolo. Camilo José Cela è sepolto nel cimitero adiacente.

Km 1.2. Iria Flavia

Lasciandolo alle spalle si raggiunge il bordo della strada nazionale per attraversare le tracce. Torniamo di nuovo sulla N-550 a Pazos e la attraversiamo con grande cautela perché l’intersezione è pericolosa. Superiamo l’hotel Escala e da qui, dopo una svolta a sinistra, percorriamo il labirinto di strade di Romarís, Rueiro e Anteportas (Km 3,8).

Al confine tra il 19.595 e Santiago lasciamo quest’ultimo nucleo per percorrere un rettilineo asfaltato e arriviamo al nucleo di Tarrio, della parrocchia di Santa María de Cruces e decorato con diversi hórreos. Ci colleghiamo con il nucleo Vilar e parallelo alle tracce torniamo al N-550 all’altezza di Esclavitudine. Attraversiamo questo nucleo accanto a quello nazionale, passando per il magnifico Santuario barocco del XVIII e XIX secolo. La leggenda narra che la sua costruzione fu incoraggiata dalla donazione di un contadino che si recava a Santiago e che bere dalla primavera guarì la sua malattia. Sono presenti bar e un tabaccaio self-service.

Km 6. In Esclavitudine (Negozio di Bar a tenuta stagna)

Accanto al Santuario e alla Fondazione Paideia si sale alla chiesa romanica di Santa María de Cruces. Attraverso un tratto con diversi cambi di direzione dove ci si può perdere, soprattutto in una svolta a sinistra accanto alla pietra di confine 16.763, si raggiunge un problematico passaggio a livello senza una barriera per entrare in Angueira de Suso (Km 8,1). Un pergolato di vite senza fine ci ripara sulla strada verso il nucleo di Areal e questo ci porta a A Picaraña e il nostro inseparabile N-550.

Km 9.2. A Picaraña (Bar)

A lato della strada c’è un bar. Andiamo a destra, marciamo lungo la spalla per più di 800 metri fino a lasciarla a sinistra per entrare a Faramello, divisa dai comuni di Rois e Teo. In questo luogo si trova l’ostello privato La Calabaza del Peregrino.

Km 10.1. Faramello (Ostello pubblico e privato, bar)

Qualche centinaio di metri più avanti, il percorso gira a sinistra. Se proseguiamo dritti raggiungeremo l’ostello pubblico di Teo in 150 metri, una buona opzione accanto a quello privato per chi non ha dormito a Padrón o sono solo a piedi. Si trova a 14,5 chilometri da Santiago, nonostante il fatto che il confine è 12,901 e ha un bar-negozio a 200 metri e un paio di ristoranti a 800 (Km 10,7).

D’ora in poi il palco si indurisce un po’. Alcune rampe conducono a Rúa de Francos, un villaggio dove è possibile fare una deviazione di 2,5 km per Castro Lupario, un altro dei siti giacobei della translatio dove visse la regina Lupa. Oggi è irriconoscibile e pieno di erbe infestanti. Superiamo l’eremo di San Martiño e subito accanto a una ruvida nave da crociera, catalogata come una delle più antiche della Galizia. Il Cristo Crocifisso sembra uscire dalle viscere della pietra e diverse incisioni indicano che i bambini sono stati sepolti in questo luogo ancora non battezzati.

Km 11.3. Rua de Francos (Bar-ristorante)

Dopo il bar-ristorante Carboeiro scendiamo per intraprendere una salita su asfalto fino a Osebe, già nella giurisdizione della parrocchia di San Juan de Calo, e attraversiamo le vie per arrivare fino a Casalonga all’altezza della strada CP-0205. Seguirlo a destra e poi svoltare a sinistra lungo la Via Riotinto per attraversare un torrente ed entrare nell’abitato di Pedreira (km 13,5).

All’uscita si procede lungo un comodo sentiero circondato dal querceto che sale leggermente lasciando da parte i gruppi di case di Lamela e Areira. Dopo aver attraversato un sentiero e superato una segheria si dirige verso A Grela. Da qui l’itinerario sale su strada ed entra con l’incrocio di Porto in O Milladoiro, il paese più grande del comune di Ames, dove c’è la possibilità di saziare il vostro appetito e rinfrescarvi per intraprendere gli ultimi 8 chilometri che ci separano dalla cattedrale (km 17,3).

Km 17.3. O Milladoiro (Tutti i servizi)

Passiamo O Milladoiro dalla Rúa do Esquío e poi accanto a una sottostazione elettrica, prologo dell’Agro dos Monteiros, il Monte do Gozo del Cammino Portoghese. Si trova a 262 metri sul livello del mare, il punto più alto del Cammino Portoghese in Galizia, e ci offre la prima vista di Santiago e delle torri della cattedrale (Km 18,8).

Scendiamo per il sentiero asfaltato e diversi sentieri che portano a Rocha Vella, dalla parrocchia di Conxo e già appartenente al Concello de Santiago. Facciamo una breve deviazione per attraversare i binari del treno e andiamo a Ponte Vella per attraversare il fiume Sar (Km 20,8). Ora si risale per attraversare alcuni nuclei della parrocchia di Conxo, tra cui Torrente. Da questo nucleo arriviamo alla rúa da Benéfica de Conxo fino all’antica chiesa di Santa María, dove si trova l’ospedale psichiatrico (Km 22,7).

Restano solo 2,5 chilometri per concludere il pellegrinaggio e le frecce cominciano a scomparire. Le strade di Sánchez Freire y García Prieto e l’Avenida de Villagarcía de Arousa conducono all’Avenida de Rosalía de Castro, che passa il testimone all’Avenida de Juan Carlos I. Si passa davanti al parco di Alameda, dove si trova una delle sculture più suggestive della città: le due marine, opera di Cesare Lombera. Ancora una traversata pedonale e si arriva finalmente alla Porta Faxeira, uno degli ingressi al centro storico di Santiago.

Il percorso della Via portoghese verso la cattedrale si snoda lungo la Rua do Franco, forse la strada più trafficata di Santiago e piena di bar di tapas e negozi di souvenir. Il ruggito umano svanisce quando entriamo in piazza Obradoiro e guardiamo in alto per vedere l’ambito trofeo che stavamo cercando fin dall’inizio a Tui, Porto o Lisbona. Con il sudore dello sforzo ancora scorrendo e ancora scorrendo con i nostri compagni di viaggio, rimane solo a sdraiarsi in piazza e sdraiarsi sullo zaino per ricominciare a sognare.

Km 25,2. Catedral-Santiago de Compostela (Tutti i servizi)

Hai qualche suggerimento o desideri portare la tua esperienza? Lasciami un commento!

Benvenuto! 🙂

L’ultimo articolo pubblicato è:

Black friday Amazon le migliori offerte per il trekking.

Leggi

 

error: Il contenuto è protetto e non puoi copiarlo. Se sei interessato a un contenuto contattami.