Come organizzare il cammino di Santiago in bici

Cose da sapere prima di fare il cammino di Santiago in bici

Il cammino di Santiago in bici è un’esperienza un po’ diversa rispetto al cammino fatto a piedi. Alcuni tratti del cammino prevedono una serie di varianti rispetto al sentiero tradizionale che risulterebbe impossibile da percorrere con la vostra due ruote.

Inoltre, percorrere il cammino verso Santiago de Compostela con la bici vi permette di effettuare molti più chilometri al giorno di un pellegrino a piedi. Come conseguenza, l’aspetto sociale cambia poiché si avranno meno possibilità di conoscere e legare con altre persone che stanno facendo i cammino a piedi, proprio per le incontrerete in momenti di pausa o la sera e non le ritroverete più.

Per questo motivo molti preferiscono partire in gruppo per fare il cammino di Santiago in bici, ma questa è una scelta tutta personale.

Nel caso del Cammino Francese si tratta di 760 chilometri (altri 27 con partenza da San Jean de Pied de Port); il Cammino Aragonese si snoda per 820 chilometri. Il cammino primitivo è relativamente breve e di circa 315 chilometri.

Si consiglia di studiare bene i profili delle tappe: non sono tutti uguali e nelle varie tappe le gambe non saranno caricate allo stesso modo.

Prima di partire, pianificare bene le tappe. Sono 800 chilometri, e dovrete vedere quanto tempo avete per organizzare le giornate che avete.

 

Organizzare bene i bagagli sulla bici

Per il cammino di Santiago in bicicletta è necessario portare il peso bilanciato in modo che la pedalata sia il più confortevole possibile.

Per fare questo, utile sarà avere una bisaccia o griglia nella parte posteriore, un triangolo spalla da posizionare sotto la barra della sella e conservare gli strumenti. Anche una una borsa da mettere sul manubrio si rivela comoda, per tenere la documentazione ed eventualmente il vostro smarphone o dispositivo GPS con la mappa del cammino di Santiago.

Su internet si trovano molte soluzioni dalle più economiche alle più costose. Qui di seguito segnalo un po’ di attrezzatura utile.



Cofit 68L Borsa Laterale per Bicicletta, Borsa per Baule da Bici Impermeabile Come Portapacchi Nero (Assortito)


Prezzo di listino:EUR 64,99
Nuovo:EUR 64,99 EUR In Stock
Usato: Non disponibile.
buy now


 

Fino a che ora pedalare sul cammino di Santiago

Il luogo scelto per il pernottamento è un altro fattore che dovrebbe influenzare la pianificazione del percorso.

I ciclisti non hanno la stessa priorità di chi è a piedi una volta arrivato negli ostelli.

Questo perché se si arriva in un ostello affollato si dovrebbe andare al prossimo, che può essere di 10 o 15 km di distanza. Questo richiederebbe 2 o 3 ore in più per un camminatore, ma per un ciclista ci vorrebbe mezz’ora. Per questo motivo valutate in ogni caso tappa per tappa a che ora prevedete di arrivare al vostro ostello.

 

Vantaggi del cammino di Santiago in bici

  •  In bici si può facilmente deviare dal Cammino di Santiago per scoprire luoghi interessanti nelle vicinanze.
  • Sarete in grado di fermarvi più tempo nei luoghi più belli del Cammino, a guardare tutto senza fretta.
  • In bici avrete un veicolo per spostarvi nelle città dove vi fermate, per fare shopping, visitare i luoghi, ecc.

 

Le tappe del cammino di Santiago in bici

Le opzioni sono molteplici e dipendono dal tempo previsto per la realizzazione, dalla forma fisica, dalla scelta della bicicletta, ecc. Non è lo stesso che andare su strada con un bici da corsa.

 

Quanti chilometri al giorno?

Un pellegrino a piedi percorre in media 5 chilometri all’ora. Una media accessibile per un ciclista che percorre questa strada potrebbe essere compresa tra 11 e 13 chilometri all’ora. Circa 5 ore di sforzo quotidiano per completare 60 chilometri.

 

Il cammino in bici in inverno

Il 90% dei pellegrini, compresi quelli che viaggiano in bici, sceglie di andare da maggio a settembre come puoi vedere dalle statistiche sul cammino di Santiago.

Le forti precipitazioni, soprattutto in Galizia, fanno sì che entrare in profondità in Occidente durante i mesi invernali diventi un esercizio duro, più simile al ciclismo, dove il pellegrino deve percorrere molti tratti di asfalto.

Il Principato delle Asturie ha ripristinato e segnalato i sentieri perduti del Cammino Primitivo, offrendo così maggiore comfort e sicurezza all’itinerario.
A causa dell’orografia, il periodo migliore per fare il cammino in bici è da maggio a fine settembre.

Hai qualche suggerimento o desideri portare la tua esperienza? Lasciami un commento!

error: Il contenuto è protetto e non puoi copiarlo. Se sei interessato a un contenuto contattami.